Passa al contenuto
Approfondimenti > Digitale e tecnologia

Bienvenido, Español Aggiunta dello spagnolo ai siti web aziendali

2 minuti di lettura | Settembre 2008

Entro il 2020, un abitante degli Stati Uniti su cinque sarà ispanico o latinoamericano. Tuttavia, nonostante il numero crescente di case americane in cui si parla spagnolo, la maggior parte dei siti web delle aziende statunitensi dedicati al servizio clienti e al marketing rimane in lingua inglese, osserva Pete Blackshaw, vicepresidente esecutivo di Nielsen Online, nella sua ultima rubrica su Ad Age.

La mancanza di contenuti online in lingua spagnola ha lasciato molti ispanici fuori dalle discussioni sui consumatori online, sostiene Blackshaw.

"Se si esamina il panorama dei siti web, dei minisiti e delle pagine Facebook dei marchi, si rimane colpiti dalla sorprendente assenza o marginalizzazione (intenzionale o meno) di contenuti in lingua spagnola", scrive Blackshaw. "Mi chiedo perché, anche per i marchi in cui gli ispanici e i latini dominano l'insieme degli acquirenti o degli acquirenti emergenti, i contenuti in lingua spagnola siano così scarsi o addirittura inesistenti".

Secondo Blackshaw, la pubblicità e la possibilità di ricevere feedback in spagnolo - e in futuro in altre lingue - sono due modi immediati con cui le aziende possono portare i consumatori ispanofoni all'interno del loro ovile online. 

Questo consiglio è pragmatico, ma il vero obiettivo, secondo Blackshaw, è molto più grande.

"La cosa più importante è dare dignità a tutti i consumatori con cui abbiamo un'opportunità di fidelizzazione o di advocacy", scrive. "Non ci siamo nemmeno vicini, ma il potenziale è enorme, anzi gigantesco".

Leggete la puntata di settembre della rubrica regolare di Pete Blackshaw su Ad Age.

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti