Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

Gli MVP commerciali dei migliori annunci del Super Bowl XLVII

4 minuti di lettura | Febbraio 2013

Tra i 108,7 milioni di spettatori e il prezzo di 4 milioni di dollari per uno spot pubblicitario di 30 secondi, il Super Bowl XLVII ha creato il tipo di opportunità di cui sono fatti i miracoli del marketing. Secondo Nielsen, l'evento di quest'anno non ha deluso gli spettatori, dato che diversi inserzionisti hanno proposto approcci innovativi per entrare nella classifica dei 10 spot più amati e più ricordati del Super Bowl di quest'anno. 

Per il secondo anno consecutivo, Doritos è stato l'MVP creativo di quest'anno: l'esilarante spot Goat 4 Sale si è guadagnato sia il titolo di spot più amato che quello di spot più memorabile del Super Bowl XLVII. Doritos non si è discostata dalla strategia vincente adottata in passato, affidando il concetto creativo al crowdsourcing per il sesto anno consecutivo. Goat 4 Sale di Doritos non è stato l'unico spot che ha catturato il cuore e la mente degli spettatori; infatti, otto dei 10 spot più memorabili si sono piazzati anche tra i 10 più apprezzati. Alcuni di questi spot memorabili sono stati realizzati da Taco Bell, Tide, Dodge (Ram), NFL e America's Milk Processors.

Anche lo spot di Taco Bell "Goodnight Mr. Goldblatt" ha riscosso un grande successo tra gli spettatori, guadagnandosi l'onore di essere il secondo spot più memorabile e il terzo più apprezzato. Secondo SocialGuide, è stato anche lo spot più twittato della partita di quest'anno, con 215.000 tweet durante le quattro ore di spettacolo sportivo.

GoDaddy, veterano da tre anni della classifica degli annunci più ricordati, ha suscitato un grande scalpore con la sua memorabile ma controversa scena di pomiciata. Ma se la creatività dell'azienda di hosting Web provoca un forte aumento del traffico verso il suo sito Web, come è avvenuto negli anni passati, le recensioni contrastanti ricevute dallo spot potrebbero essere un sacrificio utile.

Le pubblicità più apprezzate di quest'anno hanno utilizzato strategie diverse per entrare in risonanza con il pubblico. L'umorismo bonario e i temi sentimentali sono strategie fondamentali nel manuale di ogni marketer per ottenere una risonanza efficace con il pubblico. Gli spot Goat 4 Sale e Princess Fashion Show di Doritos hanno illustrato come l'umorismo slapstick possa risultare simpatico e memorabile senza essere eccessivo. Lo spot Miracle Stain di Tide ha adottato un approccio sciocco, ma adatto alle famiglie, mostrando un uomo che si macchia la maglia con una macchia a forma di Joe Montana, solo per farla lavare dalla moglie (fan dei Baltimore Ravens).

Budweiser, Dodge (Ram) e la NFL hanno adottato approcci sentimentali per entrare in contatto con gli spettatori: Lo spot Clydesdale & Trainer di Budweiser ha conquistato il pubblico con l'accattivante storia di un addestratore e del puledro Clydesdale che ha allevato per diventare un Budweiser Clydesdale che si riuniscono dopo alcuni anni di lontananza; lo spot Ram con la voce fuori campo di Paul Harvey ha adottato un approccio simile, facendo leva sulle corde del cuore dei telespettatori elogiando la forza e lo spirito degli agricoltori americani; e la NFL ha ringraziato i fan inviando i loro giocatori NFL preferiti a casa loro per far loro una sorpresa.

La Top 10 degli spot più memorabili del Super Bowl XLVII secondo Nielsen

Classifica Marchio Descrizione/lunghezza dell'annuncio Indice generale di ricognizione
1 Doritos Capra 4 Sale :30 138
2 Taco Bell Buonanotte signor Goldblatt :60 137
3 GoDaddy Due facce di GoDaddy :30 130
4 Doritos Sfilata di moda della principessa :30 128
5 Marea Miracle Stain :60 128
6 Ariete Dio ha fatto un contadino :120 127
7 Coca-Cola Corsa alla Coca Cola :60 125
8 Rete NFL Leon Sandcastle :60 123
9 I trasformatori di latte d'America The Rock - Hai del latte? :30 122
10 NFL Evoluzione NFL :30 122
Fonte: Nielsen: Nielsen.

Leggi come: Con un indice di richiamo generale di 138, lo spot dei Doritos ha dimostrato di essere 1,38 volte più memorabile della media degli spot del Super Bowl 2013.

La classifica Nielsen dei 10 spot più apprezzati del Super Bowl XLVII

Classifica Marchio Descrizione/lunghezza dell'annuncio Indice di simpatia
1 Doritos Capra 4 Sale :30 221
2 M&M's Farei qualsiasi cosa per amore :30 200
3 Taco Bell Buonanotte signor Goldblatt :60 182
4 Budweiser Clydesdale & Trainer :60 171
5 I trasformatori di latte d'America The Rock - Hai del latte? :30 168
6 Doritos Sfilata di moda della principessa :30 164
7 Marea Miracle Stain :60 157
8 NFL Grazie per essere una fan :30 146
9 Ariete Dio ha fatto un contadino :120 143
10 Metropolitana Congratulazioni a Jared :30 143
Fonte: Nielsen: Nielsen.

Leggi come: Con un indice di simpatia di 221, lo spot dei Doritos ha dimostrato di essere 2,21 volte più simpatico della media degli spot del Super Bowl 2013.

Metodologia

Richiamo: Tutti gli spot del Super Bowl sono stati classificati in base al richiamo generale. L'indice di richiamo generale è stato calcolato prendendo il punteggio di richiamo generale (percentuale di spettatori che ricordano di aver visto lo spot) e rapportandolo al punteggio medio di richiamo generale di tutti gli spot del Super Bowl 2013. Ad esempio, con un indice di richiamo generale di 137, lo spot Doritos Goat 4 Sale si è dimostrato 1,38 volte più memorabile della media degli spot del Super Bowl 2013.

Simpatia: Tutti gli spot del Super Bowl sono stati classificati in base al gradimento. L'indice di simpatia è stato calcolato prendendo il punteggio di simpatia (percentuale di spettatori a cui è piaciuto lo spot) e rapportandolo al punteggio medio di simpatia di tutti gli spot del Super Bowl 2013. Ad esempio, con un indice di simpatia di 221, lo spot di Doritos si è dimostrato 2,21 volte più simpatico della media degli spot del Super Bowl 2013.

Note: La classifica delle Top 10 si basa su circa 6.750 sondaggi pubblicitari condotti tra gli spettatori del Super Bowl; sono state prese in considerazione 67 esecuzioni creative nazionali uniche (esclusi gli spot cinematografici) durante i quattro quarti e l'intervallo della partita.

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti