Passa al contenuto
Approfondimenti > Digitale e tecnologia

Un nuovo studio conferma la correlazione tra Twitter e gli ascolti televisivi

2 minuti di lettura | Marzo 2013

Gli spettatori televisivi statunitensi si rivolgono a Twitter per parlare di TV e le chiacchiere digitali si fanno sempre più intense. Secondo SocialGuide, nel 2012 32 milioni di persone negli Stati Uniti hanno twittato sulla TV. Si tratta di una vera e propria confessione, ma cosa significa tutto questo per l'industria televisiva? Le reti e gli inserzionisti dovrebbero prestare attenzione? Le prime ricerche condotte da Nielsen e SocialGuide dicono di sì.

Analizzando i tweet sulla TV in diretta, lo studio ha confermato una relazione tra Twitter e gli ascolti televisivi. Inoltre, ha identificato Twitter come una delle tre variabili statisticamente significative (oltre agli ascolti dell'anno precedente e alla spesa pubblicitaria) che si allineano con gli ascolti televisivi.

"Sebbene gli ascolti dell'anno precedente rappresentino la maggior parte della variabilità degli ascolti TV, la presenza di Twitter tra i primi tre influencer ci dice che i tweet sulla TV in diretta possono influenzare il coinvolgimento nei programmi", ha dichiarato Andrew Somosi, CEO di SocialGuide. "Ci aspettavamo di vedere una correlazione tra Twitter e gli ascolti televisivi, ma questo studio quantifica la forza di questa relazione".

Gran parte della correlazione è determinata dall'aumento del consumo di media su schermi multipli. Sappiamo che l'80% dei possessori di tablet e smartphone statunitensi che guardano la TV utilizza il proprio dispositivo durante la visione almeno diverse volte al mese. Sappiamo anche che il 40% degli utenti statunitensi di tablet e smartphone visita un social network mentre guarda la TV.

Quanto Twitter è in linea con gli ascolti dei programmi televisivi? Il recente studio Nielsen/SocialGuide ha confermato che l'aumento del volume di Twitter è correlato all'aumento degli ascolti televisivi per diverse fasce d'età, rivelando una correlazione più forte per il pubblico più giovane. In particolare, lo studio ha rilevato che per i giovani di età compresa tra i 18 e i 34 anni, un aumento dell'8,5% del volume di Twitter corrisponde a un aumento dell'1% degli ascolti televisivi per le prime puntate, mentre un aumento del 4,2% del volume di Twitter corrisponde a un aumento dell'1% degli ascolti per le puntate di metà stagione. Inoltre, un aumento del 14,0% del volume di Twitter è associato a un aumento dell'1% degli ascolti dei programmi televisivi per i 35-49enni, il che riflette una relazione più forte tra Twitter e la TV per il pubblico più giovane.

file

Inoltre, lo studio ha rilevato che la correlazione tra i tweet e gli ascolti televisivi si rafforza per gli episodi di metà stagione per entrambi i gruppi di età. Un aumento del volume di Twitter del 4,2% e dell'8,4% è associato a un aumento dell'1% degli ascolti rispettivamente per i 18-34enni e i 35-49enni. Inoltre, a metà stagione Twitter era responsabile della varianza degli ascolti per i giovani di 18-34 anni più della spesa pubblicitaria.

"L'industria televisiva è dinamica e per noi era importante analizzare più variabili per capire veramente l'impatto di Twitter sugli ascolti televisivi", ha dichiarato Mike Hess, Executive Vice President of Media Analytics di Nielsen. "Anche se il nostro studio non dimostra la causalità, la correlazione che abbiamo scoperto è significativa e continueremo la nostra ricerca per approfondire la comprensione di questa relazione da parte del settore".