Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

Catturare una tigre: Sfruttare al meglio il video oggi e domani

2 minuti di lettura | Giugno 2014

I consumatori passano molto tempo a guardare video su TV e altre piattaforme. I bulbi oculari si sono spostati dalla visione della TV in diretta a un mix di consumo in diretta PIÙ DVR PIÙ on-demand su un televisore o in digitale attraverso una console di gioco, uno smartphone, un tablet o un computer. I consumatori stanno guidando un rapido cambiamento, dedicando il loro tempo e denaro a un'ampia gamma di piattaforme.

Ma il settore è pronto a sfruttare al meglio il nuovo panorama video?

Sì... e no.

Secondo Kristian "Kris" Magel, Chief Investment Officer, Initiative, Interpublic Group, "Questo nuovo mondo non è un problema, è un'opportunità". I consumatori guardano tanti video come in passato, se non di più. La differenza è che stanno scambiando una parte della visione dal vivo con quella in differita o on-demand. Ma questo non è un male. La chiave, secondo Magel, è essere in grado di misurare il consumo di video ovunque avvenga e di analizzarlo in modo coerente.

E Magel spinge i suoi clienti inserzionisti a fare dell'approccio video olistico un "no-brainer". Tuttavia, ci sono altri fattori in gioco. Sottolinea che la misurazione da parte di terzi è essenziale e che le aziende del settore dei media devono applicare un pricing che permetta ai dollari di fluire tra le piattaforme in modo altrettanto olistico.

Per le aziende del settore dei media, invece, il cambiamento delle abitudini dei consumatori ha ridefinito il successo e le strategie di monetizzazione dell'inventario pubblicitario. "Non si tratta di digitale contro TV... si tratta di domanda e offerta", afferma Adam Gerber, vicepresidente, sviluppo vendite e marketing, ABC Television Network. Spiega che Resurrection, un successo recente, ha ottenuto lo stesso numero di spettatori di programmi di successo del passato come Grey's Anatomy e Lost. Tuttavia, quasi la metà della visione è avvenuta su richiesta attraverso le varie piattaforme.

L'importante per un editore come ABC è capire dove i consumatori guardano - in TV, sul cellulare o, sempre più spesso, sulle TV connesse - e avere la possibilità di misurarlo.

Il settore sta facendo grandi passi avanti nella misurazione comparabile tra le varie piattaforme, con la misurazione mobile degli annunci e della programmazione che sarà abilitata quest'anno.

Tuttavia, ci sono altre quattro aree che devono essere ulteriormente risolte mentre avanziamo verso un mondo video olistico e indipendente dallo schermo. Si tratta della privacy e della sfida unica di costruire esperienze di misurazione sicure per la privacy in un ambiente digitale dinamico, della necessità di diritti digitali tra le piattaforme, della coesione dei modelli di business e di metriche come la viewability che creino parità tra le piattaforme.

La buona notizia è la volontà degli operatori di tutto il settore di impegnarsi nel dialogo per progredire verso un mercato video indipendente dallo schermo. Come ha osservato Gerber, la tecnologia e i dati cambiano ogni giorno: avere "un modello di misurazione attorno al quale possiamo riunirci tutti" fornirà una funzione di base, consentendo e facilitando una visione olistica del mondo video e promuovendo importanti discussioni commerciali.

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti