Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

I Millennials sono i più fiduciosi quando si tratta di pubblicità

4 minuti di lettura | Ottobre 2015

Guardando la TV, controllando le e-mail o sfogliando una rivista, sembra che ovunque guardiamo ci sia un'opportunità per gli inserzionisti di entrare in contatto con noi, guadagnare la nostra fiducia e trasmettere il loro messaggio. La proliferazione dei media ha indebolito la risonanza del loro messaggio? Una recente indagine globale di Nielsen ha rilevato che negli ultimi due anni i livelli di fiducia nella pubblicità sono rimasti abbastanza costanti tra i formati earned, owned e paid. Inoltre, tra gli intervistati a livello globale, i livelli di azione auto-riferiti come risultato della pubblicità hanno superato i livelli di fiducia per 14 dei 19 formati pubblicitari esaminati, suggerendo che la fiducia non è sempre un prerequisito per l'acquisto.  

Se guardiamo più in profondità, come influiscono l'età e il luogo in cui viviamo sui nostri livelli di fiducia e sulla nostra volontà di agire? Non nel modo in cui ci si potrebbe aspettare.

I Millennials (21-34 anni), che sono cresciuti con Internet, hanno i livelli più alti di fiducia nei formati online e mobili, seguiti da vicino dalla Generazione X (35-49 anni). Sebbene questo non sia una sorpresa, i Millennials non superano la media solo per quanto riguarda i formati pubblicitari online e mobili. I Millennials mostrano anche i più alti livelli di fiducia in 18 dei 19 formati/canali pubblicitari, tra cui TV, giornali e riviste, e sono anche i più disposti ad agire in 16 dei 19 formati.

"I Millennials consumano i media in modo diverso rispetto alle loro controparti più anziane, esercitando un maggiore controllo su quando e dove guardano, ascoltano e leggono i contenuti e su quale dispositivo", ha dichiarato Randall Beard, presidente di Nielsen Expanded Verticals. "Ma anche se si affidano meno ai canali tradizionali, la loro fiducia e la loro disponibilità ad agire su questi formati rimane alta. Sebbene un approccio integrato e multicanale sia il migliore per tutte le generazioni, assume un'importanza ancora maggiore quando si tratta di raggiungere i Millennial".

I livelli di fiducia e di azione sono più alti nelle regioni in via di sviluppo

Spostando l'attenzione sulle risposte a livello mondiale, i livelli di fiducia per ogni tipo di formato pubblicitario esaminato sono più alti nei mercati in via di sviluppo. L'America Latina è in testa, con i più alti livelli di fiducia per 10 dei 19 formati pubblicitari, molti dei quali rappresentano formati tradizionali. L'Africa/Medio Oriente mostra i livelli più alti per sette dei 19 formati, che rappresentano un mix di formati online e offline. Infine, l'Asia-Pacifico registra i livelli più alti di fiducia per tre formati, tra cui gli annunci su dispositivi mobili e gli annunci di testo su dispositivi mobili. Gli intervistati di queste regioni sono anche più propensi a dichiarare di agire sui formati pubblicitari almeno una volta.

Gli intervistati europei sono i più scettici nei confronti della pubblicità, con i più bassi livelli di fiducia dichiarati per tutti i 19 formati. Sono anche i meno propensi a dichiarare di agire su quasi tutti (18 su 19) i formati pubblicitari.

In Nord America, i risultati sono contrastanti. Mentre gli intervistati in questa regione riportano livelli di fiducia inferiori alla media globale per nove dei 19 formati pubblicitari - tra cui, in particolare, i siti web di marca - in realtà superano la media globale per quasi altrettanti canali (otto su 19). E questa è l'unica regione in cui la fiducia è costantemente (e considerevolmente) superiore all'azione auto-riferita.

Altri risultati del rapporto includono:

  • I livelli di azione auto-riferiti superano i livelli di fiducia di oltre due cifre per gli annunci serviti nei risultati dei motori di ricerca, gli annunci sui social network e le riviste.
  • Più di otto intervistati su dieci a livello globale (83%) affermano di fidarsi completamente o in qualche modo delle raccomandazioni di amici e familiari, mentre due terzi (66%) affermano di fidarsi delle opinioni dei consumatori pubblicate online.
  • Gli annunci umoristici hanno una forte risonanza nei mercati occidentali; gli annunci a tema salute sono i più votati in America Latina; e gli annunci che ritraggono situazioni di vita reale sono i più attraenti in Asia-Pacifico e Africa/Medio Oriente.
  • I temi pubblicitari ad alta energia/azione hanno maggiore risonanza tra gli intervistati più giovani, mentre le pubblicità incentrate su animali domestici/animali hanno maggiore risonanza tra gli intervistati più anziani.

Per maggiori dettagli e approfondimenti, scaricate il Global Trust in Advertising Report di Nielsen.

Informazioni sull'indagine globale Nielsen

La Nielsen Global Trust in Advertising Survey è stata condotta tra il 23 febbraio e il 13 marzo 2015 e ha intervistato più di 30.000 consumatori in 60 Paesi dell'Asia-Pacifico, Europa, America Latina, Medio Oriente, Africa e Nord America. Il campione ha quote di età e sesso per ogni Paese in base agli utenti di Internet ed è ponderato per essere rappresentativo dei consumatori di Internet. Il margine di errore è di ±0,6%. Questa indagine Nielsen si basa solo sul comportamento degli intervistati con accesso a Internet. I tassi di penetrazione di Internet variano da Paese a Paese. Per l'inclusione nel sondaggio, Nielsen utilizza uno standard minimo di segnalazione del 60% di penetrazione di Internet o di una popolazione online di 10 milioni di persone. L'indagine globale Nielsen, che comprende l'Indice di fiducia dei consumatori globali, è stata istituita nel 2005.

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti