Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

Quanti spettatori raggiunge la programmazione stagionale durante le feste?

3 minuti di lettura | Dicembre 2016

Durante tutto l'anno, gli americani si sintonizzano sulle loro squadre che si sfidano sulla griglia, attendono con ansia le celebrità durante i più importanti show di premiazione del mondo dello spettacolo e mettono felicemente in coda gli episodi mancanti delle nuove serie drammatiche più interessanti dell'anno sui loro DVR.

Ma quando il mercurio scende e arriva la stagione delle vacanze, i consumatori si rintanano in casa e si godono una miriade di programmi stagionali -e di contenuti commerciali - cheparlano del "periodo più bello dell'anno".

Considerate questo: In mezzo alla folle corsa al regalo perfetto, uno studio speciale di Nielsen ha rilevato che lo scorso anno la programmazione a tema natalizio in prima serata ha raggiunto più di 217 milioni di spettatori. In altre parole, oltre l'85% di tutte le famiglie televisive statunitensi ha guardato almeno un minuto di questo tipo di contenuti tra il Giorno del Ringraziamento e Capodanno.

I programmi festivi con il maggior numero di spettatori unici hanno assunto forme diverse: classici del cinema festivo, commedie contemporanee, film per bambini e, naturalmente, episodi speciali di programmi televisivi vecchi e nuovi.

Indipendentemente dal tipo di programmazione, gli spettatori di tutte le età si sono concessi una buona dose di visione a tema natalizio. In effetti, la programmazione natalizia ha raggiunto quasi il 60% di tutte le fasce d'età e fino all'85% in alcune fasce demografiche. Tuttavia, il maggior numero di spettatori non proviene dalle generazioni più giovani, come ci si potrebbe aspettare.

È interessante notare che gli adulti più anziani contribuiscono maggiormente alla portata complessiva dei programmi per le vacanze. Se nel 2015 questo tipo di contenuti ha raggiunto quasi 28 milioni di bambini di età compresa tra i 2 e gli 11 anni, ha anche raggiunto più di 73 milioni di persone di 55 anni o più. Inoltre, il 77% degli adulti di età compresa tra i 35 e i 54 anni (circa 61 milioni di persone) si è sintonizzato per guardare una programmazione simile nello stesso arco di tempo. Se si considera il genere, sia gli uomini che le donne di età superiore ai 55 anni hanno fatto la parte del leone per quanto riguarda la portata dei programmi per le vacanze, rispetto alle altre generazioni dei rispettivi generi.

Anche la generazione più enigmatica in termini di consumo di contenuti, i millennial, partecipa ai festeggiamenti. Lo studio ha rilevato che la programmazione a tema natalizio è stata vista da poco meno di 40 milioni di adulti di età compresa tra i 18 e i 34 anni, dando a questo gruppo demografico, spesso incostante nei confronti dei media, la terza più grande dimensione di pubblico tra le altre fasce d'età.

Tuttavia, le generazioni più anziane sono ancora più propense a cercare la nostalgia delle vacanze attraverso lo schermo televisivo. Gli adulti dai 55 anni in su rappresentano circa un terzo della portata totale dei programmi per le vacanze, rispetto al 18% dei Millennials. Gli adulti di età compresa tra i 35 e i 54 anni non sono molto lontani dagli adulti di età superiore ai 55 anni, che rappresentano il 28% della portata totale dei programmi per le vacanze.

Al di là dei confini di età e sesso, i programmi per le vacanze si sono diffusi in diversi tipi di famiglie. La diffusione tende a essere maggiore nelle case con più membri della famiglia, siano essi bambini o animali domestici. Circa l'87% di tutte le case con bambini ha guardato i programmi delle vacanze, mentre una percentuale simile di case che possedevano un animale domestico ha fatto lo stesso. Anche le case con un reddito elevato hanno trascorso del tempo a guardare i programmi per le vacanze. Circa l'88% degli spettatori che guadagnano tra i 75.000 e i 99.999 dollari e l'88% di quelli che guadagnano più di 125.000 dollari hanno guardato una qualche forma di programma festivo durante le vacanze dello scorso anno.

Dal Giorno del Ringraziamento a Capodanno, i consumatori si immergono nelle festività, rendendo il potere della programmazione festiva ampio e innegabile. I marketer più accorti dovrebbero tenerne conto quando creano piani media in questo periodo dell'anno, non solo per raggiungere, ma anche per capitalizzare quello che potrebbe essere il sentimento positivo dei consumatori, dato che lo spirito delle feste influenza le decisioni di acquisto.

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti