Passa al contenuto
Approfondimenti > Pubblico

La casa canadese sempre più connessa

3 minuti di lettura | Novembre 2016

Nota dell'editore: i dati dell'infografica sono stati aggiornati per riflettere il numero totale di adulti canadesi, invece di una base più piccola di adulti canadesi che hanno sentito parlare di almeno una tecnologia domestica connessa.

Le tecnologie "intelligenti", tra cui televisori, frigoriferi, sistemi di sicurezza domestica e altro ancora, si trovano oggi in diverse stanze delle case. Il mercato della casa connessa è ancora agli inizi: solo il 28% dei consumatori possiede attualmente dispositivi domestici connessi. Nei prossimi due anni, tuttavia, il 46% dei consumatori canadesi possiederà o dichiarerà di voler acquistare tecnologie domestiche connesse, secondo il Connected Home Report di Nielsen.

È interessante notare che, sebbene l'appetito dei consumatori per i gadget che semplificano la vita domestica sia in aumento, non tutti i consumatori canadesi sono a conoscenza di tutte le tecnologie connesse disponibili. Sebbene il 73% dei canadesi conosca almeno una tecnologia connessa disponibile, il numero scende se si guarda a tecnologie specifiche. Solo il 58% dei consumatori conosce gli elettrodomestici connessi, mentre sale al 59% per l'intrattenimento connesso, al 63% per la domotica e al 66% per le tecnologie di sicurezza domestica.

Per comprendere meglio il livello di familiarità dei consumatori canadesi con le tecnologie domestiche connesse, il rapporto ha segmentato i consumatori in quattro categorie chiave:

  • Persone che non guardano: Attualmente non utilizzano alcuna tecnologia domestica connessa e non hanno intenzione di acquistarla nei prossimi due anni;
  • Intenditori puri: Attualmente non utilizzano alcuna tecnologia per la casa connessa, ma intendono acquistarne almeno una entro i prossimi due anni;
  • Utenti dinamici: Attualmente utilizzano almeno una tecnologia domestica connessa e intendono acquistarne almeno un'altra entro i prossimi due anni; e
  • Utenti statici: Attualmente utilizzano almeno una tecnologia domestica connessa ma non hanno intenzione di acquistarne un'altra nei prossimi due anni.

I Pure Intender e i Dynamic User sono consumatori decisivi che i rivenditori e i produttori di tecnologie domestiche connesse devono raggiungere nel breve periodo. Entrambi i segmenti intendono aumentare la quantità di tecnologie connesse nelle loro case nei prossimi due anni.

Sebbene la maggior parte delle famiglie canadesi sia a conoscenza delle tecnologie per la casa connessa, ci sono una serie di barriere che, secondo gli osservatori, impediscono loro di fare il salto verso una casa connessa e che i rivenditori e i produttori devono superare. La barriera più grande è rappresentata dai consumatori che sono soddisfatti della tecnologia attuale, seguiti dal 52% che non pensa di utilizzarla abbastanza e dal 45% che ritiene la tecnologia troppo costosa.

Tuttavia, ci sono buone notizie per coloro che attualmente operano nel settore della tecnologia domestica connessa: il 91% dei consumatori ritiene che la tecnologia connessa sia un ottimo affare e non la associa attualmente a un prezzo eccessivo. Tra i consumatori interessati ad aggiungere tecnologie, quasi un quinto è disposto a pagare un sovrapprezzo per tutte le tecnologie disponibili.

Il mercato della casa connessa si sta espandendo ovunque e continuerà a farlo nei prossimi anni. Ciò significa che anche le opportunità di profitto per rivenditori e produttori dovrebbero continuare a crescere. Sebbene l'introduzione di case completamente connesse in Canada sia ancora lontana anni, il settore può essere in grado di accelerare l'adozione delle tecnologie disponibili comprendendo gli interessi dei consumatori e dimostrando la rilevanza e i vantaggi della tecnologia domestica connessa.

Metodologia

Le informazioni contenute in questo articolo sono state ricavate dal rapporto Connected Home: Canadian Market Trends Report. Connected Home è uno studio annuale online condotto nei mesi di giugno e luglio 2016 in inglese e francese da Nielsen Consumer Insights, Canada.

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti