Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

I giovani ascoltatori guidano l'aumento degli ascolti delle radio d'informazione

2 minuti di lettura | Giugno 2017

Gli americani amano le buone notizie e il consumo di notizie ha raggiunto i massimi storici su alcune piattaforme negli ultimi 18 mesi, come ha evidenziato l'ultimo Nielsen Total Audience Report. Sebbene la televisione rappresenti una fetta significativa del consumo di notizie, l'anno scorso gli americani hanno ascoltato più di 11,5 miliardi di ore di notizie nei mercati PPM (Portable People Meter) di Nielsen, con un aumento rispetto ai 10,5 miliardi del 2015.

Quest'anno le notizie sono rimaste un tema caldo nell'etere radiofonico: il primo trimestre ha visto una continua impennata delle sintonizzazioni sulle emittenti con formato news, sulla scia degli ottimi risultati ottenuti l'anno scorso durante il ciclo perpetuo di notizie politiche.

Per un'ulteriore prospettiva sui recenti aumenti, abbiamo combinato le tendenze di ascolto di tutte le stazioni News/Talk (sia commerciali che non commerciali ), All News e Spanish News Talk nei mercati PPM di Nielsen e abbiamo confrontato i risultati degli ultimi due anni con il primo trimestre del 2017. Si tratta dello stesso gruppo di stazioni utilizzato nel Nielsen Total Audience Report.

Ciò che salta all'occhio è la differenza nella crescita a lungo termine e la quota che le stazioni radiofoniche di notizie raccolgono in diversi gruppi di età. I notiziari radiofonici rappresentano da soli un quinto di tutto l'utilizzo della radio tra gli adulti dai 50 anni in su, una quota praticamente invariata rispetto al 2015. L'andamento degli ascolti tra i Millennials (18-34) si colloca all'altro capo dello spettro: I notiziari radiofonici costituiscono una porzione molto più piccola del loro utilizzo della radio, ma la quota di questo gruppo è cresciuta più rapidamente negli ultimi due anni. Infatti, lo share del primo trimestre per le radio d'informazione tra questa fascia demografica è stato superiore del 24% rispetto al 2015 e del 14% rispetto al 2016. La crescita degli ascoltatori tra i 25 e i 54 anni è stata simile: la quota del primo trimestre 2017 è stata del 19% superiore a quella del 2015 e del 12% superiore a quella del 2016.

I dati utilizzati in questo articolo comprendono un pubblico multiculturale. Il pubblico dei consumatori ispanici è composto da popolazioni rappresentative di lingua inglese e spagnola.

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti