Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

Come l'abilitazione allo streaming nel 2020 ha cambiato il panorama dei media

1 minuto di lettura | Ottobre 2020

Osservando come è cresciuto il consumo di video in streaming quest'anno, la domenica di Pasqua spicca come il giorno di picco di streaming mai misurato da Nielsen. Da lì in poi, soprattutto quando gli ordini di rimanere a casa sono diminuiti e il clima è diventato più caldo, l'utilizzo totale dei media ha iniziato a normalizzarsi. Ciò non significa, tuttavia, che il consumo di media oggi assomigli a quello di prima di marzo, soprattutto se si guarda allo spazio dello streaming video. Infatti, Brian Fuhrer, SVP, Product Strategy di Nielsen, afferma che l'abilitazione dello streaming avvenuta durante i periodi di permanenza a casa è stata come più periodi di abilitazione delle vacanze tutti insieme. 

Per saperne di più, abbiamo parlato con Brian dell'arco di consumo dello streaming in quel periodo, per capire meglio le implicazioni a lungo termine per l'industria dei media, dato che le fasce demografiche più anziane rappresentano oggi il 26% di tutti i minuti di streaming visti. Brian fornisce anche una prospettiva su come una serie di aziende di media tradizionali stia esplorando lo spazio dello streaming, in particolare quelle con grandi librerie di contenuti da offrire ai consumatori affamati di video. Questi nuovi arrivati stanno ulteriormente frammentando la scena dello streaming, spingendo Brian a chiedersi: "Quanti contenuti sono troppi?". Scoprite cosa ne pensa e se pensa ancora che il contenuto sia il re nella nostra intervista.

Per ulteriori approfondimenti, partecipate al nostro prossimo Oltre lo SVOD: capitalizzare la crescita dello streaming supportato da pubblicità webinar.

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti