Passa al contenuto
Approfondimenti > Digitale e tecnologia

Capire le donne australiane è fondamentale per accelerare la parità di genere

4 minuti di lettura | Melissa Doran & Adam Axiak | Marzo 2021

Il comportamento di consumo digitale evidenzia come i marchi possano raggiungere il pubblico femminile alle loro condizioni

Questa settimana ricorre la Giornata internazionale della donna, un giorno importante che celebra le conquiste sociali, economiche, culturali e politiche delle donne. Questa giornata segna anche una chiamata all'azione per accelerare la parità di genere. Tuttavia, nonostante i titoli dei giornali e gli hashtag, le donne di tutto il mondo sono stanche e ritengono che un cambiamento significativo stia avvenendo troppo lentamente. 

Come possono quindi i marketer svolgere il loro ruolo nell'offrire contenuti e campagne di marketing inclusivi, responsabilizzanti e positivi per coinvolgere il pubblico femminile e guidare le conversazioni su ciò che conta di più per loro?

Nonostante le innumerevoli responsabilità e sfide che le donne devono affrontare in un determinato mese, sono voraci consumatrici di media. In media le donne trascorrono 971 ore al mese consumando contenuti digitali, ovvero sette ore in più rispetto agli uomini. Si tratta di sette ore in più di opportunità per i marchi, i marketer e i proprietari di media. Le maggiori consumatrici online sono le donne di età compresa tra i 25 e i 34 anni, che trascorrono in media 112 ore e 46 minuti1 al mese, leggermente davanti alle donne di età compresa tra i 35 e i 44 anni, che trascorrono in media 112 ore e 34 minuti1 al mese.

Tra le varie opzioni di dispositivi, le donne hanno trascorso l'81%1 del loro tempo a consumare contenuti digitali tramite dispositivi mobili. (contro il 74% degli uomini).

Donne australiane: benessere, salute e cura di sé

Il 2020 ci ha insegnato l'importanza del benessere, della salute e della cura di sé. Infatti, le donne australiane rappresentano il 65%2 dell'engagement per i contenuti digitali relativi a salute, fitness e nutrizione, dando la massima priorità alla cura di sé, dato che molte di loro hanno dovuto adattarsi a uno stile di vita che prevede il lavoro da casa, bilanciando al contempo la propria vita sociale e familiare. 

Riflettori puntati sui contenuti video e cinematografici digitali

Gran parte della vita quotidiana si è spostata online in seguito alla pandemia e, nonostante la revoca delle restrizioni, gli australiani continuano a consumare avidamente contenuti video e cinematografici online. Ogni mese, 8,8 milioni3, ovvero l'87%3, di tutte le donne australiane guardano contenuti video/film e 8,4 milioni3, ovvero l'84%3, consumano contenuti multimediali trasmessi. 

Le donne australiane che cercano contenuti online per l'intrattenimento hanno aumentato il loro impegno nelle sottocategorie broadcast media e video/film del 38%4 rispetto all'anno precedente, rappresentando il 60%4 di tutti i consumi.

Le donne che giocano online sono una categoria demografica non ancora sfruttata

Poiché i comportamenti dell'audience digitale continuano a progredire, è importante che i brand capiscano chi è il loro pubblico per cogliere le opportunità di creare valore personale e connessione. 

I giochi online rimangono in prima linea nell'esperienza dell'intrattenimento moderno e, contrariamente a quanto si crede, non sono solo per il pubblico maschile. 

Che si tratti di "Candy Crush", "Angry Birds", "Minecraft" o "Poker", 7,1 milioni5, ovvero il 71%5, di tutte le donne australiane consumano contenuti di gioco online ogni mese. In effetti, le donne che consumano contenuti di gioco online sono più numerose degli uomini (6,6 milioni5).  

Nel 2020, gli australiani hanno trascorso un totale di 1,8 miliardi6 di ore con la sottocategoria e le donne ne hanno rappresentato 1,0 miliardi, ovvero il 59%6. 

Fortunatamente per i marketer, ci sono molti modi per coinvolgere gli individui che passano più tempo negli ambienti digitali. E quando si tratta di donne, queste sono impegnate, desiderose di aiuto e hanno occhi e orecchie aperte per i marchi che offrono una mano. 

FONTI

  1. FONTE: Nielsen Digital Content Planning, 01/12/2020 - 31/12/2020, Femmine 18+, Femmine 25-34, Femmine 35-44 e Maschi 18+, Digitale (C/M), Mobile, Desktop Tutti i dispositivi, Testo, Tutte le categorie, Tempo speso per persona
  2. FONTE: Nielsen Digital Content Ratings, Totale mensile, 01/01/2020 - 31/12/2020, Femmine 18+ e Persone 18+, Digitale C/M, Testo, Sottocategoria Salute, Fitness e Nutrizione, Tempo totale speso
  3. FONTE: Nielsen Digital Content Planning, 01/12/2020 - 31/12/2020, Femmine 18+, Digitale (C/M), Tutti i dispositivi, Testo, Sottocategoria Broadcast Media e Sottocategoria Video/Movie, Pubblico Unico
  4. FONTE: Nielsen Digital Content Ratings, Totale mensile, 01/01/2019 - 31/12/2020, Femmine 18+ e Persone 18+, Digitale C/M, Testo, Sottocategoria Broadcast Media e Sottocategoria Video/Film, Tempo totale speso
  5. FONTE: Nielsen Digital Content Planning, 01/12/2020 - 31/12/2020, Femmine 18 e Maschi 18+, Digitale (C/M), Mobile, Desktop, Testo, Sottocategoria Giochi Online, Pubblico Unico
  6. FONTE: Nielsen Digital Content Ratings, Totale mensile, 01/01/2020 - 31/12/2020, Femmine 18+ e Persone 18+, Digitale C/M, Testo, Sottocategoria Giochi online, Tempo totale speso

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti