Passa al contenuto
Approfondimenti > Largo consumo e vendita al dettaglio

Procter & Gamble si aggiudica il primo posto tra i maggiori finanziatori di pubblicità

2 minuti di lettura | Febbraio 2019

McDonald's sale al terzo posto tra gli inserzionisti pubblicitari nel Regno Unito.

Procter & Gamble è stata la società britannica che ha speso di più in pubblicità tradizionale nel 2018. Sky ha superato la società di beni di consumo nel 2017, ma ora si trova al secondo posto.

I ristoranti McDonald's sono stati il terzo più grande spender, passando dal quinto posto del 2018, con una spesa pubblicitaria aumentata del 28%.

La spesa di McDonald's è passata da 95,6 milioni di sterline nel 2017 a 122,6 milioni di sterline nel 2018, superando BT (in calo del 5,6% a 109,3 milioni di sterline) e Unilever (in calo del 29,2% a 82,8 milioni di sterline) - la prima volta che Unilever è uscita dai primi tre inserzionisti negli ultimi cinque anni.

Tra gli altri attori significativi figurano Amazon, che ha aumentato la spesa pubblicitaria del 18% (da 74 a 87,5 milioni di sterline), Compare the Market (+30% a 62,2 milioni di sterline) e Camelot Lottery (+40% a 53,3 milioni di sterline).

Sky (-30% a 124 milioni di sterline) ha registrato il calo maggiore tra i top spender. Per quanto riguarda i rivenditori di supermercati, Asda è salita nella top 10, mostrando un aumento percentuale a due cifre della spesa pubblicitaria. Nel frattempo, Sainsbury's è uscito dalla Top 100, e anche Tesco, Morrisons, Aldi e Lidl hanno mostrato di aver ridotto la loro spesa nel 2018.

Con una spesa pubblicitaria tradizionale in calo dell'1,41% rispetto al 2017, i nostri ultimi dati evidenziano il cambiamento delle strategie pubblicitarie dei più grandi marchi e rivenditori. Tuttavia, è interessante notare che l'aumento e la diminuzione della spesa pubblicitaria non sembra essere coerente all'interno dei settori. Mentre la maggior parte dei rivenditori di supermercati ha scelto di ridurre la spesa, Asda e Tesco l'hanno aumentata, e lo stesso vale per il settore finanziario, con HSBC e Natwest che hanno diminuito la spesa, mentre molti altri hanno continuato a registrare un aumento della spesa anno su anno. I fattori che influenzano questa situazione sono molteplici, dall'irrigidimento dei budget a causa della Brexit alla concorrenza all'interno del settore. Probabilmente si prospettano tempi interessanti.

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti