Passa al contenuto
Approfondimenti > Pubblico

Progressi, ma non parità di retribuzione

3 minuti di lettura | Stacie M. de Armas, SVP of Diverse Consumer Insights and Initiatives, Diversity, Equity & Inclusion Practice, Nielsen | Ottobre 2020

Negli ultimi 10 anni, la comunità ispanica ha compiuto notevoli progressi economici negli Stati Uniti, con un crescente potere d'acquisto, una maggiore acquisizione di ricchezza e un aumento del tasso di partecipazione alla forza lavoro. Quando si parla di parità salariale negli Stati Uniti, le donne latine sono pagate in media molto meno dei loro colleghi maschi bianchi.

In effetti, di tutte le ricorrenze dell'anno per la parità di retribuzione, il #LatinaEqualPayDay è l'ultima, e indica quanto tempo deve lavorare una donna latina media per guadagnare quanto guadagna la sua controparte maschile nell'anno precedente, indipendentemente dall'esperienza o dal tipo di lavoro. 

I dati di Nielsen mostrano che la popolazione latina ha continuato a trasformarsi, anche se i suoi salari non sono cambiati. Rispetto ai guadagni degli uomini bianchi, il National Women's Law Center stima che il divario salariale delle donne latine si sia ridotto solo di circa 4 centesimi negli ultimi 40 anni. Guadagnando solo 54 centesimi per ogni dollaro pagato agli uomini bianchi, le latine dovrebbero lavorare circa 23 mesi per guadagnare quanto guadagnano gli uomini bianchi in un anno. La Giornata della parità retributiva per le latine (29 ottobre 2020) è un giorno in cui si ricorda il tempo necessario alle latine per raggiungere la retribuzione dei loro colleghi maschi bianchi non ispanici dell'anno precedente. 

Oltre alla disuguaglianza salariale, la pandemia COVID-19 ha imposto un pesante tributo alle donne lavoratrici, soprattutto alle latine. Dal 2010, il tasso di partecipazione alla forza lavoro delle donne latine si è attestato intorno o sopra il 60% (62% a febbraio 2020). A causa dell'impatto economico e sociale sproporzionato della COVID-19, la partecipazione alla forza lavoro delle donne latine è scesa al 57% a settembre 2020, un tasso mai visto in questo decennio. 

La popolazione ispanica e il potere di voto sono aumentati costantemente, con significativi movimenti positivi in termini di istruzione, occupazione e potere d'acquisto. Ma i salari delle donne latine sono rimasti pressoché stagnanti. In casa, le famiglie ispaniche hanno il 40% in più di probabilità di essere multigenerazionali. Ma anche con un maggior numero di persone e di potenziali contribuenti al reddito in una famiglia latina, i guadagni complessivi sono ancora inferiori alla media delle famiglie statunitensi. Ad esempio, il 55% delle famiglie ispaniche ha un reddito pari o superiore a 50.000 dollari, mentre per il totale delle famiglie statunitensi la percentuale è del 59%. Colmare il divario salariale per le donne latine significa anche ridurre il ritardo nei guadagni delle loro famiglie.  

Tuttavia, le donne latine hanno preso quei 4 centesimi in più e li hanno usati per contribuire a spingere il potere d'acquisto complessivo degli ispanici a 1,7 trilioni di dollari oggi, con un aumento dell'11% solo nell'ultimo decennio. Entro il 2024, si prevede che il potere d'acquisto crescerà ulteriormente fino a raggiungere i 2.400 miliardi di dollari. La parità di retribuzione per le donne latine non solo rafforza la comunità ispanica, ma anche l'intera economia statunitense.

Per ulteriori informazioni sulla popolazione ispanica, visitare Nielsen.com/Latino e Nielsen Election Hub.

Un ringraziamento speciale a Charlene Polite Corley per il suo contributo a questo articolo.

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti