Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

Cibo per la mente: Esame del cambiamento delle abitudini alimentari e della lista della spesa degli australiani

6 minuti di lettura | Adam Axiak, Readership Media Lead, Media Industry Group | Maggio 2020

L'insorgenza del nuovo coronavirus (COVID-19) ha dato origine alla "economia domestica" in Australia: Siamo ormai abituati a fare acquisti, studiare, lavorare e trovare intrattenimento online a casa. Rimanere a casa è diventato un nuovo stile di vita e ha avuto un impatto particolarmente significativo su come e cosa mangiamo.

Con più tempo a disposizione a casa, i consumatori australiani hanno l'opportunità di riflettere sulle proprie abitudini alimentari e di trovare modi creativi e pieni di risorse per preparare e utilizzare le provviste, nonché di ripassare le proprie abilità culinarie in modo che alla fine nulla vada sprecato.

Nei mesi di marzo e aprile, abbiamo assistito a scene incredibili di acquirenti che si affrettavano a riempire le loro "dispense pandemiche" con generi alimentari di base e forniture essenziali sufficienti per alcuni mesi. I forti volumi di vendita di riso, pasta, farina, mix per pane e ingredienti asiatici e indiani hanno segnalato un ritorno alla cucina e alla panificazione domestica, mentre l'impennata delle vendite di caffè macinato e di caffè in grani ha rivelato che molti australiani desiderano un'esperienza di caffè da barista a casa.

Quando nelle prossime settimane e mesi le restrizioni inizieranno ad essere abolite, i marchi, i produttori e i rivenditori dovranno considerare la "nuova normalità" per quanto riguarda le tendenze alimentari, capire come questa differisca a seconda delle fasce demografiche e dell'età della vita e adattarsi di conseguenza.

MARKETING PER I DIVERSI GRUPPI DI ACQUIRENTI AUSTRALIANI DI GENERI ALIMENTARI

Utilizzando i dati del Consumer & Media View (CMV) di Nielsen, abbiamo identificato tre tipi distinti di gruppi di acquirenti australiani. Abbiamo analizzato le loro abitudini alimentari per capire cosa significhi questo per il futuro immediato e a lungo termine, mentre gli effetti della pandemia continuano a diffondersi.

Acquirenti di generi alimentari 25-54 senza figli

Tradizionalmente, questo gruppo è povero di tempo quando si tratta di preparare i pasti e ha il 37% di probabilità in più di affermare di non avere tempo per cucinare e preparare i pasti rispetto agli altri acquirenti di generi alimentari. Hanno il 23% in più di probabilità di mangiare di corsa e di essere meno attenti alla propria dieta. Questo gruppo è meno esigente quando si tratta di ingredienti, ma più della metà (57%) dichiara che ama o ama cucinare. È meno probabile che si preoccupino degli alimenti che fanno ingrassare o che sono elaborati, preferendo il gusto a tutto il resto. 

È importante che i responsabili del marketing considerino che questo gruppo ama cucinare, ma in passato ha avuto poco tempo per farlo. 

Con più tempo a disposizione a casa e l'impossibilità di accedere a bar e ristoranti, i marchi e i rivenditori hanno l'opportunità di accendere in questi acquirenti una rinnovata passione per la cucina casalinga con idee di ricette creative che sfruttano al meglio ciò che hanno in dispensa.

Acquirenti di generi alimentari con figli sotto i 18 anni

Questo gruppo ha il 19% di probabilità in più di ritenere di non avere tempo per cucinare e preparare i pasti rispetto agli altri acquirenti di generi alimentari. Spesso si trovano a dover bilanciare la necessità di pasti veloci ed economici che siano comunque nutrienti e attraenti per tutti i membri della famiglia. Gli acquirenti di generi alimentari con bambini sono meno propensi a consumare alimenti con ingredienti geneticamente modificati e sono più propensi a evitare gli alimenti trasformati e a comprare più alimenti freschi e refrigerati. 

Poiché molti australiani continuano a studiare a casa e a lavorare da casa nel breve periodo, la disponibilità di pasti e spuntini convenienti sarà importante. Una ricerca di Nielsen Homescan ha mostrato come gli acquirenti si siano orientati verso opzioni di frutta e verdura "a lunga conservazione" durante la chiusura.

In media, gli acquirenti di generi alimentari con bambini spendono il 30% in più per famiglia in generi alimentari ogni settimana e sono molto più propensi a ritenere che i marchi propri del negozio offrano la stessa qualità dei marchi noti. In Francia, i distributori hanno risposto alle esigenze delle famiglie ampliando l'offerta di prodotti biologici a marchio privato. L'aumento del numero di opzioni a valore che sono salutari e adatte alle famiglie ha avuto un impatto positivo nelle regioni con una popolazione più numerosa di famiglie.

Le famiglie con bambini guardano attivamente a siti web, riviste o giornali per trovare ispirazione per i loro pasti e cercano pasti veloci, economici e nutrienti per la loro famiglia.

Acquirenti di generi alimentari di età superiore ai 60 anni   

Questo gruppo, che rappresenta quasi un terzo degli acquirenti australiani di generi alimentari, ha più tempo per cucinare e preparare i pasti rispetto agli altri acquirenti di generi alimentari. Sono anche i più attenti a ciò che mangiano. È meno probabile che considerino la cucina come un hobby o un interesse e cercano piatti semplici e basilari che siano nutrienti ed efficienti dal punto di vista dei costi.

Rispetto agli altri acquirenti di generi alimentari, gli acquirenti di età superiore ai 60 anni hanno il 13% in più di probabilità di credere nell'utilizzo di ingredienti della migliore qualità, hanno il 12% in più di probabilità di acquistare prodotti ad alto contenuto di fibre, sono più attenti agli alimenti che fanno ingrassare, ai conservanti e agli ingredienti geneticamente modificati ed evitano gli alimenti trasformati ogni volta che possono.

Poiché questi acquirenti sono i più suscettibili agli effetti della COVID-19, cercheranno maggiori garanzie che i prodotti che acquistano siano privi di rischi e della massima qualità in termini di standard di sicurezza. Per questo gruppo sarà anche importante capire da dove provengono gli alimenti che acquistano, con una trasparenza completa dall'azienda agricola alla fabbrica, alla catena di approvvigionamento e alla distribuzione, e con dettagli sulle misure adottate per garantirne la sicurezza.

Gli australiani desiderano idee e ispirazioni per la cucina

Un recente rapporto di Nielsen Digital Content Ratings rivela che durante la pandemia COVID-19 si è registrato un aumento del 71% del tempo trascorso sui siti web dedicati al cibo e alla cucina. L'aumento ha riguardato tutte le fasce d'età ed è stato più marcato tra i giovani di età inferiore ai 40 anni.

Per molti australiani, il supermercato locale è uno dei pochissimi luoghi in cui si sono avventurati nell'ultimo mese e forse anche per qualche tempo a venire. Le riviste dei supermercati hanno il potenziale per prosperare in questo ambiente. Le due principali riviste di supermercati sono di gran lunga le più lette in Australia e, collettivamente, hanno un totale di 6,7 milioni di lettori, ovvero il 35% degli australiani, che leggono le loro pubblicazioni ogni mese.
Esiste un grande potenziale per gli operatori di mercato che possono coinvolgere e raggiungere ogni gruppo di acquirenti di generi alimentari creando contenuti relativi alle abitudini alimentari sane e alla preparazione dei pasti, per coloro che sono alla ricerca di una ricetta deliziosa e veloce per la propria famiglia. Per ottenere una risonanza con i consumatori, gli operatori del settore devono riesaminare la loro pubblicità per assicurarsi di rispondere alle esigenze dei consumatori e di entrare in contatto con loro in modo autentico.

Metodologia

INFORMAZIONI SU NIELSEN EMMACMV

Nielsen e The Readership Works (TRW) hanno stretto un rapporto che vede la Consumer & Media View (CMV) nazionale di Nielsen incorporata nei dati di lettura di emma Cross Platform. Questa operazione è nota come emmaCMV. Per oltre 20 anni, la CMV di Nielsen ha sondato i consumatori in tutta l'Australia, raccogliendo una serie di informazioni che aiutano i clienti ad affrontare le sfide del marketing e dei media. Che siano coinvolti nella pianificazione, nell'acquisto o nella vendita di pubblicità, o che siano responsabili della strategia di marca, gli approfondimenti di Nielsen CMV forniscono il potere di creare strategie di marketing efficaci e, in ultima analisi, di raggiungere gli obiettivi di business e di marketing. emmaCMV è una soluzione migliorata e conveniente che integra Nielsen CMV in emma per fornire dati sulla readership, sugli atteggiamenti, sullo stile di vita e sui prodotti in un unico luogo. Queste informazioni forniscono un profilo completo del consumatore della carta stampata e delle sue intenzioni d'acquisto, a supporto di analisi e approfondimenti più efficaci.

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti