Passa al contenuto
Approfondimenti > Mercati e finanze

L'incertezza finanziaria legata alla pandemia alimenta l'aumento dei servizi buy now, pay later in Australia

4 minuti di lettura | Tony Williams, Direttore esecutivo, DBM Consultants & Lucas Carreras, Direttore esecutivo, Media Nielsen | Novembre 2021

Nessuno era preparato a ciò che il mondo ha vissuto negli ultimi 18 e più mesi. A livello globale, la pandemia è tutt'altro che finita e continua a influenzare gran parte della nostra vita quotidiana. Dato il suo impatto, gli effetti a catena, molti dei quali di natura economica e finanziaria, si faranno sentire per anni a venire. 

Anche dopo aver convissuto con la COVID-19 per quasi due anni, la diffusa perturbazione continua a modificare la situazione finanziaria dei consumatori australiani, con conseguenti cambiamenti sismici nei comportamenti di spesa in tutto il Paese. Oltre a ciò che i consumatori acquistano e a dove spendono i loro soldi, i consumatori stanno anche affrontando le loro preferenze di pagamento in modo diverso rispetto a prima della pandemia. 

A causa delle tensioni finanziarie e delle preoccupazioni per i pesanti tassi di interesse in un contesto di incertezza economica, più di 1 milione di australiani ha cancellato i propri crediti nell'ultimo anno. Ma non lo hanno fatto senza avere un'alternativa allettante a cui rivolgersi. In particolare, il fascino dei sistemi di pagamento digitali che offrono rate senza interessi ha suscitato interesse e adozione in un momento in cui molti consumatori si concentrano sulla frugalità e cercano offerte più pratiche dai loro fornitori di servizi finanziari. 

I servizi "compra ora, paga dopo" non sono opzioni finanziarie nuove per i consumatori, ma il loro appeal tra gli australiani è aumentato da quando sono entrati nel mercato nel 2015. Tale crescita è aumentata notevolmente quando si sono manifestati gli effetti della pandemia, sostenuta dalla flessibilità e dalla convenienza delle opzioni di piani di pagamento senza interessi, un'alternativa decisamente diversa rispetto alle carte di credito tradizionali. 

Nell'ultimo anno l'adozione è aumentata rapidamente, come ha riferito la Reserve Bank of Australia nel marzo 2020, secondo cui i valori delle transazioni buy now, pay later sono aumentati del 55%. Nella sua indagine nazionale, la società di consulenza australiana DBM Atlas ha riferito nel giugno 2021 che circa il 14% degli adulti australiani ha effettuato un acquisto utilizzando un servizio buy now, pay later nelle ultime quattro settimane, rispetto all'11% dell'anno precedente.

Sebbene gli adulti di tutte le età utilizzino i servizi buy now, pay later, i consumatori più giovani stanno guidando gran parte della crescita - e continueranno a farlo in futuro. Una ricerca Nielsen mostra che quasi due terzi degli australiani che hanno utilizzato i metodi di pagamento buy now, pay later hanno un'età compresa tra i 18 e i 44 anni.

Una serie di settori ha beneficiato della maggiore adozione di questi servizi di pagamento, ma i vantaggi per i rivenditori di abbigliamento, moda, telefoni cellulari e tablet sono stati particolarmente brillanti, soprattutto se si considerano gli effetti della pandemia sulle tendenze di acquisto non essenziali. Una ricerca condotta da Nielsen e DBM Atlas ha rilevato che questi servizi di pagamento hanno aperto le porte a una nuova generazione di consumatori, migliorando il potenziale di vendita sia online che in negozio per una base di acquirenti più ampia. In alcune categorie di vendita al dettaglio, l'adozione ha portato a panieri più grandi e ha persino incentivato i clienti a spendere più di quanto inizialmente previsto.

Con la connettività e l'impegno online ben al di sopra della norma per gran parte del 2020, Nielsen prevede che il cambiamento nei modelli di spesa rimarrà, mentre i consumatori inizieranno a riprendere alcune, o tutte, le attività precedenti alla pandemia.

Ulteriori informazioni sulla crescita dei servizi buy now, pay later sono disponibili in un nuovo rapporto congiunto Nielsen-DBM Atlas. Ulteriori informazioni sul rapporto e sulle opzioni di acquisto sono disponibili qui.

Metodologia

RICERCA NIELSEN & METODOLOGIA DELL'ATLANTE DBM

Nielsen ha integrato il pluripremiato DBM Atlas - il più grande programma di ricerca australiano dedicato ai servizi finanziari - con il Consumer & Media View (CMV) di Nielsen.

DBM Atlas + Media Profiler fornisce un set di dati per la segmentazione e la profilazione sviluppati specificamente per le categorie bancarie, assicurative e di gestione patrimoniale. 

DBM Atlas + Media Profiler offre migliaia di variabili attitudinali, mediatiche e comportamentali per una comprensione approfondita dei consumatori, compreso il modo migliore per raggiungere e coinvolgere i pubblici più importanti.

  • 93.000 intervistati
  • CMV: 100% online; sul campo 48 settimane l'anno
  • Atlante DBM: RDD linea fissa/mobile e pannello online; completamento online continuo, giornaliero
  • 14+ Nazionale
  • Risultati ponderati in base all'ABS per riflettere accuratamente la popolazione australiana (000s)

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti