Passa al contenuto
Centro notizie >

Quasi il 70% degli inglesi paga un abbonamento per guardare la TV o i video-on-demand

3 minuti di lettura | Marzo 2016

I telespettatori del Regno Unito hanno solo la metà delle probabilità rispetto a quelli di tutto il mondo di "tagliare i fili" a favore dei servizi online 

Londra - 17 marzo 2016. Secondo il Global Video-on-Demand Report di Nielsen, quasi sette britannici su 10 (69%) online dichiarano di pagare un abbonamento per guardare programmi trasmessi in diretta o on-demand.

Il formato di abbonamento TV più diffuso nel Regno Unito è quello satellitare (ad esempio Sky), citato dal 37% degli intervistati. Il cavo (ad esempio Virgin e BT) è il formato più popolare (24%), preceduto di poco dai fornitori di VOD (o servizi online) (20%) come Netflix e Amazon. L'adozione britannica dei fornitori di VOD è inferiore alla media mondiale (26%).

      

Un'altra notizia incoraggiante per i fornitori di servizi satellitari e via cavo è che gli abbonati britannici hanno solo la metà delle probabilità (15%) rispetto alla media globale (32%) di pianificare il "cord cutting", ovvero la sostituzione del contratto satellitare/via cavo con un servizio online.

"La crescente popolarità dei servizi televisivi online continuerà a mettere sotto pressione operatori del calibro di Sky e Virgin, ma è improbabile una sostituzione totale di questi operatori tradizionali in abbonamento", afferma Terrie Brennan, vicepresidente esecutivo di Nielsen per il digitale in Europa. "Per la maggior parte degli spettatori britannici, il VOD online e i servizi di abbonamento tradizionali sono complementari, per cui è più probabile che si assista a un "cord shaving", ossia che i consumatori scelgano pacchetti di abbonamento più economici da parte degli operatori tradizionali, piuttosto che cancellarli del tutto". 

Il Global Video-on-Demand Report di Nielsen, che ha intervistato più di 30.000 intervistati online in 61 Paesi, rivela che solo la metà (51%) dei britannici online guarda una qualche forma di programmazione VOD (sia che si tratti di contenuti di lunga durata che di breve durata) rispetto al 65% degli intervistati a livello globale. 

Tra gli spettatori britannici di VOD, il 35% guarda VOD almeno una volta al giorno, rispetto al 43% a livello globale.

Il tipo di contenuti visti nel Regno Unito utilizzando i servizi on-demand è in netto contrasto con quelli visti nella maggior parte delle altre parti del mondo. Gli inglesi sono più propensi a guardare programmi televisivi (74%) on-demand che film (64%). A livello globale, invece, sono molte di più le persone che utilizzano il VOD per guardare film (80%) rispetto ai programmi televisivi (50%). Il contrasto è simile in tutta Europa (77% contro 39%).

      

Brennan conclude: "In Gran Bretagna, il lupo del cord-cutting è tenuto lontano dalla porta da una combinazione di un appetito relativamente minore per i contenuti on-demand e dalla libreria di contenuti superiore della pay TV tradizionale in termini di sport in diretta e di disponibilità anticipata di serie TV e film premium".

SULL'INDAGINE GLOBALE

I risultati di questa indagine si basano su intervistati con accesso online in 61 Paesi (se non diversamente indicato). Sebbene la metodologia del sondaggio online consenta una scala enorme e una portata globale, fornisce una prospettiva solo sulle abitudini degli attuali utenti di Internet, non sulla popolazione totale, cosa particolarmente rilevante quando si parla di un'attività come la visione di video-on-demand. Nei mercati in via di sviluppo, dove la penetrazione dell'online è più bassa, il pubblico può essere più giovane e più ricco rispetto alla popolazione generale del paese. Inoltre, le risposte ai sondaggi si basano su comportamenti dichiarati piuttosto che su dati reali misurati. Le differenze culturali nel sentimento di comunicazione sono probabilmente fattori che influenzano le prospettive dei vari Paesi. I risultati riportati non tentano di controllare o correggere queste differenze; pertanto, occorre prestare attenzione quando si effettuano confronti tra Paesi e regioni, in particolare tra i confini regionali.

SU NIELSEN

Nielsen Holdings plc (NYSE: NLSN) è un'azienda globale di gestione delle performance che fornisce una comprensione completa di ciò che i consumatori guardano e comprano. Il segmento Watch di Nielsen fornisce ai clienti dei media e della pubblicità servizi di misurazione della Total Audience su tutti i dispositivi in cui vengono consumati i contenuti (video, audio e testo). Il segmento Buy offre ai produttori di beni di consumo confezionati e ai rivenditori l'unica visione globale del settore per la misurazione delle performance di vendita al dettaglio. Integrando le informazioni provenienti dai segmenti Watch e Buy e da altre fonti di dati, Nielsen fornisce ai suoi clienti sia misurazioni di livello mondiale sia analisi che aiutano a migliorare le prestazioni. Nielsen, una società dell'S&P 500, è presente in oltre 100 Paesi e copre più del 90% della popolazione mondiale. Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.nielsen.com.