Passa al contenuto
Approfondimenti > Digitale e tecnologia

L'intervista a Twintern suscita entusiasmo per Pizza Hut

5 minuti di lettura | Agosto 2009

Intervista a cura di Sue MacDonald, Responsabile della ricerca, Divisione Online

In un'economia difficile, caratterizzata da un aumento della disoccupazione, da giornali in difficoltà e da tagli alle agenzie pubblicitarie, Alexa Robinson si è laureata quest'anno alla University of North Carolina/Chapel Hill con una laurea in... giornalismo e pubblicità. Ma ha finito per trovare una posizione che comporta un titolo di lavoro completamente nuovo, che non esisteva nemmeno quando ha iniziato a lavorare all'UNC: "Twintern".

Prima stagista di Pizza Hut su Twitter (Twitter + stagista, da cui "Twintern"), la ventiduenne originaria di Greensboro NC lavora a Dallas dalla fine di giugno. Alexa ha preso tempo dalla sua giornata di 140 caratteri a messaggio per parlare con Nielsen di cosa significhi essere coinvolti nella campagna di social media di uno dei più grandi marchi alimentari del Paese. (Divulgazione: YUM! Brands, proprietario di Pizza Hut, è un cliente di Nielsen). L'account Twitter di Pizza Hut aveva circa 3.000 follower quando Robinson ha iniziato, e ora ne ha più di 15.000; ha twittato su omaggi, promozioni, nuovi prodotti, l'applicazione iPhone di Pizza Hut, modifiche al menu e altro ancora, e ha invitato i fan a inviare tweet sui loro cibi preferiti/foto di vacanze/celebre).

Q. È un "Twintern" quello che voleva fare da grande?

Alexa Robinson: Quando sono andata all'università, ero indecisa e non avevo una specializzazione. Fino alla fine del secondo anno ho frequentato solo corsi universitari generali di arti e scienze, cercando di capire cosa volessi fare. Quando è arrivato il momento di dichiarare una specializzazione, ho pensato agli affari, ma ho deciso di seguire un corso di introduzione alla scuola di giornalismo, con la pubblicità come specializzazione. La pubblicità mi sembrava divertente e mi incuriosiva. Sono davvero felice di averlo fatto, perché ho avuto un'esperienza incredibile. Tutti i professori che ho avuto erano fantastici e ben preparati in tutto ciò che insegnavano, e molti di loro avevano lavorato nel settore. Durante l'ultimo semestre ho seguito un corso sui nuovi media, in cui abbiamo discusso di Twitter, Facebook, mobile marketing, social media... tutti i cambiamenti in atto nel mondo dei media. Ero già coinvolto nei social media prima di quel corso, ma mi ha dato un'idea di come i social media avrebbero trasformato il mondo del marketing e delle pubbliche relazioni.

Q. Come è venuta a conoscenza dell'offerta di lavoro di "Twintern"? Cosa l'ha incuriosita?

A.R.: I miei genitori si sono entrambi laureati in giornalismo e mia madre stava guardando la CNN verso la fine di aprile e ha visto un'intervista al vicepresidente del marketing di Pizza Hut, Bob Kraut, che parlava del suo progetto di assumere un Twintern. Mi ha chiamato e mi ha detto: "Ho appena visto questa posizione di lavoro sulla CNN e penso che sia proprio il tuo genere. Penso proprio che dovresti candidarti". Me ne ero quasi dimenticata quando ho ricevuto una chiamata dal reparto risorse umane di Pizza Hut per un colloquio telefonico, e sono rimasta sorpresa. Era una grande opportunità e ho colto al volo l'occasione di parlare con loro. Per me è irreale essere stata scelta".

Q. Qual è stata la cosa più sorprendente di questo lavoro?

A.R.: Non avevo idea di cosa aspettarmi all'arrivo. Sapevo che mi sarei occupato dell'account Twitter e di interagire con i nostri follower, sperando di aumentare la consapevolezza di Pizza Hut su Twitter. Credo che la cosa più sorprendente sia stata l'apertura dei dirigenti nei confronti dell'esistenza della mia posizione e del fatto che mi muovessi più a fondo nello spazio dei social media in generale. So che molte aziende esitano a farsi coinvolgere nello spazio online, o non sono sicure che sia adatto al loro marchio. In Pizza Hut non c'è nessuna di queste esitazioni. Questo si riflette sicuramente sul fatto che l'azienda è un leader innovativo. I marchi vogliono essere dove sono i loro consumatori e dove questi ultimi stanno conversando. È assolutamente necessario farne parte, in modo da poter contribuire maggiormente. Se i vostri consumatori sono tutti su Twitter, perché non dovreste partecipare anche voi? Questa è la filosofia di Pizza Hut. Ovviamente il coinvolgimento comporta dei rischi, ma credo che siano necessari se si vuole partecipare e dialogare con i propri consumatori".

D: Qual è stata la reazione su Twitter?

A.R.:"Molte persone che non sapevano della posizione di Twinternship sono rimaste sorprese quando ho iniziato a twittare così tanto su tante cose diverse. Quando ho iniziato, si è accesa una grande conversazione, non solo su Twitter, ma anche sulle aziende e sui marchi che sono su Twitter, e credo che questo sia stato positivo per lo spazio dei social media. Non credo che Twitter sia solo una moda. Ha così tante applicazioni diverse e le persone lo usano per così tanti scopi diversi - personali, di lavoro, di networking - che credo ci siano molti modi diversi in cui i marchi possano sfruttarlo in futuro. Ho imparato molto sul tipo di voce che le aziende e i marchi utilizzano su Twitter, osservando ciò che le altre aziende fanno nello spazio dei social media. Mi piacerebbe creare una consapevolezza generale su come Pizza Hut è coinvolta nello spazio online... e cercare altri luoghi da esplorare in cui non siamo ancora presenti. Spero di lasciare un segno...

D: Pizza Hut ha appena annunciato il programma "Send the Twintern to the edge" per promuovere la sua nuova Edge Pizza. Ai consumatori viene chiesto di suggerire luoghi "al limite" in America dove mandarvi a consegnare la pizza. Siete pronti a raccogliere la sfida?

A.R.: Certo. Abbiamo appena iniziato a ricevere le iscrizioni. Spero di poter andare in posti molto belli. Penso che sarà un concorso molto bello.

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti