Passa al contenuto
Approfondimenti > Digitale e tecnologia

Forse i pubblicitari non sono così interessati a te... e come puoi cambiare le cose!

1 minuto di lettura | Febbraio 2009

Jon Gibs

Il6 febbraio, John Burbank e io abbiamo condotto un webinar sulla pubblicità online dei marchi e siamo giunti a questa conclusione: gli editori devono cambiare le loro azioni per attirare i migliori partner pubblicitari a lungo termine. Chi sono questi inserzionisti più ambiti? I partner pubblicitari a lungo termine tendono ad acquistare con costanza grandi volumi e alte concentrazioni su pochi siti. Fanno pubblicità più frequentemente su marchi di media che hanno una certa notorietà culturale, marchi che gli amici probabilmente si consigliano a vicenda.

Come si fa a corteggiare questi partner a lungo termine? In primo luogo, la nostra ricerca indica che gli editori devono impegnarsi costantemente per aumentare la soddisfazione dei clienti e ottenere un'ottima reputazione tra i consumatori. E, in un certo senso, anche le dimensioni contano. Gli inserzionisti a lungo termine cercano almeno un livello moderato di portata, poiché si concentrano su un numero inferiore di siti. Infine, il vostro sito Web dovrebbe incoraggiare i visitatori a trascorrervi del tempo e a interagire con l'ambiente online. Questo aumenta il valore dell'inventario pubblicitario che state vendendo, soprattutto per i partner a lungo termine.

Gli editori possono fare qualcosa anche in termini di offerta pubblicitaria. Consigliamo di abbandonare il taglio delle pagine Web in piccole unità pubblicitarie standardizzate per passare a un inventario di qualità superiore con opzioni personalizzate.

Questi partner pubblicitari di lunga data vogliono spendere soldi online e, con i giusti cambiamenti strategici, speriamo che lo facciano con voi. Scaricate qui la presentazione del webinar e non esitate a contattarmi per ulteriori informazioni.

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti