Passa al contenuto
Approfondimenti > Pubblico

Visibilità della disabilità: Rispondere all'appello per l'inclusione della disabilità nei media

3 minuti di lettura | Luglio 2021

 

Nel 2021 ricorre il 31° anniversario dell'Americans with Disabilities Act. Si tratta di un traguardo importante e molti progressi sono stati fatti per le persone con disabilità. A livello globale, ci sono 1 miliardo di persone che vivono con una disabilità, mentre negli Stati Uniti il numero di adulti che vivono con una disabilità fisica o psicologica è pari a circa il 26% della popolazione adulta statunitense. Tuttavia, per quanto questa comunità sia importante nella popolazione, rimane in gran parte non vista, o rappresentata in modo impreciso, nei film e nei contenuti sullo schermo. Con le crescenti preoccupazioni per le sfide della salute mentale, soprattutto durante la pandemia, la disabilità è sempre più parte dell'esperienza di tutti e un'influenza importante per una quota crescente di pubblico che vuole essere rappresentata sullo schermo. 

I media hanno un ruolo importante nell'educare il pubblico alle disabilità, sia visibili che non visibili. Ma il divario di rappresentazione è evidente. I risultati di un recente sondaggio Nielsen rivelano che quando una storia o un personaggio mostrano una disabilità, il pubblico che vive con la disabilità afferma che la rappresentazione del proprio gruppo di identità non è accurata. 

Come si è evoluta la visibilità della disabilità

La buona notizia è che i narratori sembrano aver preso nota di questa tendenza, incorporando una maggiore quantità di esperienze di disabilità nei contenuti, e i film stanno facendo da apripista. Ad esempio, il nostro database Gracenote Video Descriptors rivela che il volume dei contenuti che includono la disabilità è aumentato di oltre il 175% nell'ultimo decennio rispetto ai 10 anni precedenti. 

Tra i 3.000 titoli valutati in questa analisi, quasi il 70% dei contenuti inclusivi della disabilità erano lungometraggi. In media, però, gli americani trascorrono ancora una quantità significativa di tempo con la televisione tradizionale e con lo streaming attraverso i dispositivi connessi. Con le serie televisive che rappresentano circa il 16% dei contenuti inclusivi della disabilità, il sentimento degli intervistati secondo cui la TV sta mancando il bersaglio della rappresentazione diventa più chiaro. 

La televisione è il luogo in cui il pubblico trascorre più tempo, ma i programmi televisivi sono rimasti indietro rispetto al cinema nel rappresentare le persone con disabilità.

Negli ultimi anni, anche la gamma di temi legati alla disabilità è aumentata drasticamente nei contenuti inclusivi della disabilità.

Ci sono più narrazioni che si riferiscono alle esperienze reali di una persona disabile. I due temi principali sono la famiglia e le relazioni, e le storie che presentano disabilità mostrano anche come gli alleati e le persone care si relazionano e si connettono con questi personaggi.  

Aumentare la visibilità della disabilità

Hollywood ha fatto passi avanti nella rappresentazione della disabilità, ma occorre fare molto di più per offrire maggiori opportunità ai talenti disabili: un percorso per creare maggiore visibilità e storie più accurate sulla disabilità. All'inizio di quest'anno, più di 80 star e professionisti dell'industria dello spettacolo hanno firmato una lettera aperta e lanciato la campagna #DontDismissDis, facendo luce sulle discriminazioni subite dai talenti disabili. RespectAbility, un'organizzazione no-profit leader nella lotta contro lo stigma per una rappresentazione più diversificata, autentica e accurata delle persone con disabilità, spiega che ci sono alcune barriere ricorrenti per una narrazione più autentica a Hollywood. "Anche se il numero di personaggi disabili sullo schermo continua ad aumentare nelle ultime stagioni, si stima che il 95% dei ruoli disponibili sia interpretato da talenti senza disabilità", ha dichiarato Lauren Appelbaum, vicepresidente del settore comunicazione, intrattenimento e news media di RespectAbility e autrice di The Hollywood Disability Inclusion Toolkit. "Quando la disabilità è parte della storia di un personaggio, troppo spesso i contenuti possono posizionare le persone disabili come qualcuno da compatire o da curare. È fondamentale avere talenti disabili sia davanti che dietro la macchina da presa per sviluppare personaggi autentici e multidimensionali".

L'industria dei media e dell'intrattenimento ha guidato la carica nel sostenere la diversità in tutte le forme e ha il potere di sensibilizzare e promuovere l'inclusione della disabilità. Dare il via libera a un maggior numero di progetti, includere un maggior numero di talenti disabili dentro e fuori lo schermo, incoraggiare l'auto-identificazione in modo che gli studios possano trovare talenti per garantire rappresentazioni autentiche sono alcuni passi che gli studios e i creatori di contenuti possono compiere. In un mondo in cui la lotta contro le disuguaglianze e gli stereotipi persiste, i media hanno la responsabilità di rendere l'inclusione della disabilità una realtà.

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti