Passa al contenuto
Approfondimenti > Pubblico

È tempo di fatti, non di paure: gli asiatici americani fanno la loro parte

5 minuti di lettura | Mariko Carpenter, VP, Alleanze strategiche della comunità | Aprile 2020

Era la prima volta che decidevo di indossare una maschera facciale quando uscivo per portare a spasso il mio cane. Mentre aspettavo di attraversare la Third Avenue a New York, si avvicinò un uomo arrabbiato, che urlava e imprecava mentre camminava verso di me. Ho immediatamente preso il mio cane e sono corsa nel garage. Quello che mi ha detto è ormai confuso, ma il messaggio era chiaro: torna in Cina. Anche se sono un newyorkese da sempre, sono rimasto scosso.

Da allora, abbiamo visto molti titoli di giornali su asiatici americani vittime di atti ben peggiori delle molestie verbali che ho subito, e la comunità asiatica americana si è galvanizzata. Le organizzazioni di base della comunità stanno sensibilizzando l'opinione pubblica, gli influencer asiatici americani stanno organizzando campagne sui social media come #washthehate e i funzionari eletti di tutte le comunità di colore stanno condannando la discriminazione anti-asiatica. La passione e la leadership della comunità asiatico-americana raccontate in queste storie mi rendono orgoglioso: Non siamo una comunità che si siede in silenzio e chiude gli occhi, ma una comunità che ha una voce da far sentire. 

Questo argomento è stato al centro delle conversazioni intorno a me: con le mie figlie (che portano a spasso il nostro cane, anche se occasionalmente), con gli amici, con il nostro Asian American Employee Resource Group e con i membri dell'Asian American External Advisory Council di Nielsen. Siamo tutti d'accordo sul fatto che il razzismo sia assolutamente sbagliato, ma c'è una disparità nel modo in cui gli asiatici americani dovrebbero rispondere a questi atti di odio. Per alcuni asiatici americani, gli stessi sforzi che mi hanno reso orgoglioso della nostra comunità sono considerati distrazioni dall'obiettivo della pandemia. Andrew Yang ha espresso il suo punto di vista in un articolo del Washington Post del 1° aprile, in cui suggeriva che gli asiatici americani dovrebbero combattere il razzismo mostrando di più la nostra "americanità". Naturalmente, su Twitter si è scatenata una tempesta di asiatici americani che hanno rifiutato il suo messaggio, sottintendendo che spetta a noi dimostrare di appartenere a questo Paese. 

È qui che ho scelto di passare dal pensiero emotivo alla logica basata sui dati. Per me non si tratta tanto di noi quanto del bigottismo che esiste nella nostra società; e se il bigottismo è radicato nell'ignoranza, allora possiamo combattere l'ignoranza con dati che la gente può capire. Gli asiatici americani non sono stranieri; sono innegabilmente parte integrante del tessuto di questo grande Paese. 

Gli asiatici americani sono in prima linea nella guerra contro la COVID-19, rischiando la propria vita per aiutare gli altri. Quasi un medico attivo su cinque in questo Paese è asiatico(1) e gli asiatici americani hanno il 39% di probabilità in più di lavorare nel settore medico o sanitario rispetto alla popolazione totale(2). È molto probabile che se l'uomo che mi ha molestato finisse in un ospedale di New York, verrebbe curato da qualcuno che mi somiglia, senza discriminazioni.

Gli asiatici americani sono stati tra i primi a prendere provvedimenti contro la diffusione del coronavirus. Rispetto alla popolazione totale, le famiglie asiatico-americane hanno il 40% in più di probabilità di essere multigenerazionali con anziani nel nucleo familiare(3), che sono particolarmente vulnerabili a gravi malattie dovute al COVID-19. Grazie alle informazioni sulla gravità del virus fornite dai notiziari asiatici, a gennaio e febbraio gli asiatici americani hanno iniziato ad acquistare maschere mediche per contenere la diffusione del virus a un ritmo tre volte superiore a quello della popolazione totale, secondo i dati Nielsen. È anche vero che gli individui malati in Asia usano comunemente le mascherine mediche come forma di cortesia per non infettare gli altri. 

Gli asiatici americani non solo alimentano l'economia come consumatori e contribuenti, ma sono anche i datori di lavoro di oltre 5 milioni di lavoratori in questo Paese(4). Come il signor Kim, proprietario del salone per unghie che frequento, e i due fratelli che possiedono il take-out thailandese dall'altra parte della strada, ci sono 2 milioni di imprese di proprietà di asiatici americani che servono i quartieri di tutto il Paese. Con il 42% di esse nei settori "Servizi di alloggio e ristorazione" e "Commercio al dettaglio", contro appena il 21% di tutte le imprese(5), le aziende asiatiche americane sono state duramente colpite. Per non parlare del fatto che le entrate delle attività commerciali di Chinatown in tutto il Paese hanno iniziato a diminuire a gennaio, a causa del timore dei clienti di un collegamento con quello che è stato inizialmente definito il "virus cinese". Anche prima del primo caso confermato di coronavirus, la città di New York ha lanciato la campagna Show Some Love for Chinatown per sostenere le attività commerciali che si trovano ad affrontare discriminazioni non comprovate.

Siamo in guerra contro una pandemia mortale e gli asiatici americani stanno facendo la loro parte e sono al fianco di tutti gli altri. In questo periodo senza precedenti, ho imparato l'importanza della nostra umanità condivisa. Seduto in isolamento, non mi sono mai sentito così connesso al resto del mondo. Non ci dovrebbe essere tolleranza per la discriminazione contro la nostra comunità quando la vittoria di questa guerra dipende dall'azione di ciascuno di noi per proteggere l'altro.

Nota: le persone indicate come asiatico-americane in questo rapporto includono quelle classificate in qualsiasi documento di origine come asiatiche da sole o in combinazione con una o più razze; native hawaiane da sole o in combinazione con una o più razze; e altre isole del Pacifico da sole o in combinazione con una o più razze.

Fonti

  1. aamc.org
  2. American Community Survey (ACS) 2018 1-year estimates, file PUMS, tabulato da Ethnifacts
  3. American Community Survey (ACS) 2018 1-year estimates, file PUMS, tabulato da Ethnifacts
  4. Censimento degli Stati Uniti 2016 Rilascio dell'indagine 2012 sui proprietari di imprese
  5. Censimento degli Stati Uniti 2016 Rilascio dell'indagine 2012 sui proprietari di imprese

Per saperne di più sulle organizzazioni no-profit che sostengono le comunità asiatiche americane:

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti