Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

Piccolo schermo, grande immagine: Guardare ai generi di programmazione attraverso una lente di spostamento temporale

3 minuti di lettura | Ottobre 2019

Con una quantità di contenuti oggi superiore a quella di cui la maggior parte di noi sa cosa fare, ciò che definisce un successo è indubbiamente diverso rispetto a 20 o 30 anni fa. Ma il COME definiamo un successo è forse più importante.

Dopotutto, diversi tipi di programmazione sono in grado di influenzare diversi comportamenti di visione: dall'azione live e imperdibile di un evento sportivo all'esperienza di consumo accuratamente curata di un dramma, che potrebbe rimanere sullo "scaffale" del DVR mentre uno spettatore aspetta il momento perfetto della settimana per stapparlo. 

Quando l'industria dei media - sia che si tratti dei critici, che intrecciano le metriche di visualizzazione per integrare il loro punto di vista, sia che si tratti dei responsabili della programmazione che soppesano gli ascolti - decide di definire un successo in termini di misurazione, è fondamentale che venga preso in considerazione l'intero pubblico di spettatori. Qualsiasi cosa di meno sarebbe un affronto miope per i creatori di contenuti che operano in un contesto pubblicitario da 72 miliardi di dollari e per i fan che potrebbero semplicemente non essere in grado di andare in onda dal vivo e optare per la visione in differita. 

In poche parole, quando tutti gli spettatori sono importanti, anche tutte le visualizzazioni dovrebbero esserlo. Dato che nel primo trimestre del 2019 gli adulti statunitensi (dai 18 anni in su) hanno trascorso quasi quattro ore alla settimana guardando in differita o in time-shifted (tramite VOD o DVR), tenere conto di questo tempo è una considerazione fondamentale.

Nielsen ha analizzato il modo in cui i consumatori si orientano verso la visione differita dei contenuti televisivi rispetto a quelli trasmessi via cavo e ha scoperto che la proliferazione di modi di vedere i contenuti ha anche contribuito a influenzarli a essere spettatori più pazienti, sintonizzandosi oltre la diretta, lo stesso giorno e persino sette giorni.

In effetti, tra tutti i generi di programmazione all'inizio dell'ultima stagione televisiva (dal 1° ottobre al 30 dicembre 2018) la visione tradizionale oltre la diretta o lo stesso giorno fino a 35 giorni ha fornito un aumento del 10% delle visualizzazioni. Ciò significa una media di 2,7 milioni di spettatori in più che si sono collegati a questi contenuti oltre la diretta o lo stesso giorno! E tra le persone di età compresa tra i 18 e i 49 anni l'aumento è stato del 14%, ovvero 1,1 milioni di spettatori, rispettivamente, nello stesso periodo di tempo.

Questa tendenza si accentua, tuttavia, a seconda dei generi specifici di programmazione e dei demo che utilizzano le opzioni di visione differita.

Ad esempio, nello stesso periodo del quarto trimestre del 2018, la visione in differita oltre il live+SD e fino a 35 giorni ha contribuito ad aumentare gli ascolti del 40% per le fiction di prima serata tra tutte le persone e del 65% tra i consumatori 18-49. Esaminando alcuni dei tipi di programmi più popolari tra i consumatori, è emerso che anche all'estremità bassa dello spettro la visione oltre lo stesso giorno fornisce un aumento del 20%.

Per gli operatori di marketing che cercano di raggiungere e attivare un pubblico che a sua volta cerca attivamente i contenuti, essere in grado di capire e connettersi con un gruppo di spettatori impegnati è un'opportunità difficile da lasciarsi sfuggire. Al contrario, i proprietari di contenuti o coloro che cercano di sfruttare i dati, dai team di ricerca ai media, hanno la necessità di prendere in considerazione il valore aggiunto che la visione ritardata spesso apporta e di non ignorare il quadro completo della visione.