Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

A caccia dei risultati del Natale passato sull'etere

4 minuti di lettura | Dicembre 2014

Mentre gli alberi di Natale scuriti iniziano ad accumularsi sul marciapiede e le decorazioni vengono frettolosamente relegate in cantina per altri 11 mesi, gli americani stanno tornando alle loro tipiche tendenze di ascolto radiofonico all'alba del nuovo anno. Ma mentre il 2014 volge al termine, i programmatori radiofonici di tutto il Paese iniziano a valutare l'impatto della musica natalizia sulle loro onde radio, in particolare quelle che passano dai formati Adult Contemporary (AC) a quelli interamente natalizi.

Questo sondaggio del Portable People Meter (PPM) di dicembre copre un periodo di quattro settimane che termina la settimana successiva al Giorno del Ringraziamento, il che significa che il vero impatto della musica natalizia nei mercati principali non sarà pienamente evidente fino al mese prossimo. Nel frattempo, abbiamo valutato i dati in nostro possesso per vedere quale sia stato l'impatto del passaggio annuale al formato "tutto Natale" nella musica AC, valutando al contempo come tali cambiamenti abbiano influenzato altri formati popolari, tra cui Country e Hot AC. Altrove, Urban Contemporary ha sfruttato il successo di novembre per raggiungere nuovi massimi a dicembre, mentre il classico formato hip-hop continua a espandersi negli Stati Uniti.

Ma la storia principale, come ogni anno quando si avvicinano le festività, è la già citata performance delle stazioni AC intorno all'annuale lancio di musica natalizia. Nel 2014, i risultati delle emittenti AC di dicembre hanno rispecchiato quelli dell'anno precedente. Infatti, le quote di AC per il pubblico di età pari o superiore ai 6 anni sono state identiche (8,5%) rispetto all'anno precedente, mentre le quote per il pubblico di età compresa tra i 18 e i 34 anni (7,2%) sono state inferiori di appena un decimo di punto percentuale rispetto all'anno precedente. Anche i risultati del 2014 per il pubblico di età compresa tra i 25 e i 54 anni (8,2%) sono identici a quelli dell'anno scorso.

L'aspetto interessante è che la crescita della sintonizzazione AC da novembre a dicembre è diminuita di anno in anno, quando il formato passa alla musica delle feste. Nel 2011, il formato è cresciuto di oltre 2 punti, passando dal 7,8% al 10,0%. Quest'anno l'aumento è stato di 1,5 punti, passando dal 7,0% all'8,5%. L'incremento di fine anno per AC è stato una musica per le orecchie dei programmatori, dato che il formato ha raggiunto i numeri più bassi di sempre nella misurazione del PPM per tutto il 2014. Tuttavia, come abbiamo discusso l'anno scorso, le tendenze a lungo termine relative all'impatto della musica festiva sulla radio rivelano tassi di crescita dell'audience più lenti ogni anno che passa.

Tendenza quadriennale dei risultati di dicembre per il pubblico dell'AC

Pubblico 6+ 2011 2012 2013 2014
Dicembre 10.0% 9.5% 8.5% 8.5%
Fonte: Nielsen

Le emittenti country si trovano dall'altra parte della storia della musica natalizia, poiché in genere vedono il loro pubblico ridursi a causa della musica di Natale. Dicembre segna il quinto mese consecutivo di calo di share (tra gli ascoltatori 6+) per il Country, che questo mese ha registrato un 7,7%, in calo rispetto al 7,9% di novembre. A titolo di confronto, lo scorso dicembre il formato si era attestato al 7,8%. Ciò significa che i risultati di quest'anno sono in linea con quelli del 2013. Quando il mese prossimo uscirà il libro delle vacanze, avremo un quadro completo della situazione in cui Country inizierà il 2015, cercando di invertire la tendenza al calo delle quote.

Di seguito sono riportati alcuni titoli aggiuntivi tratti dai dati Nielsen sul PPM di dicembre in 45 mercati*, utilizzando le quote di ascolto dell'intera settimana (lunedì-domenica dalle 6.00 alle 24.00).

  • Urban Contemporary è rimasta in auge, grazie all'arrivo di un maggior numero di stazioni di hip-hop classico. Grazie soprattutto a questa tendenza in crescita, a dicembre Urban Contemporary ha ripreso la sua corsa proprio da dove l'aveva lasciata il mese scorso, superando i risultati record di novembre per quanto riguarda gli ascoltatori 6+ (3,4%) e 25-54 (3,8%) e pareggiando il numero dei 18-34enni (6,3%). Il 2014 è stato l'anno di maggior successo per Urban Contemporary nella storia di PPM, con il formato che ha chiuso l'anno al sesto posto tra tutti i formati nella fascia demografica 18-34 anni.
  • Per non essere da meno nel reparto dei record, anche Hot AC ha concluso l'anno con una nota positiva, eguagliando i risultati record di agosto. Il format ha registrato un 6,5% tra il pubblico di età superiore ai 6 anni, un 7,4% tra gli ascoltatori di età compresa tra i 18 e i 34 anni e un 7% nella fascia demografica 25-54 anni. Tutti e tre questi risultati eguagliano i numeri migliori di sempre stabiliti all'inizio dell'anno e regalano a Hot AC il suo anno migliore anche sotto la misurazione PPM. Conclude l'anno al quinto posto in classifica generale e al quarto tra gli ascoltatori 25-54.

Mercati PPM di dicembre 2014I primi 5 formati per quota media di un quarto d'ora (giorno dell'intera settimana)

Persone 6+ Adulti 18-34 Adulti 25-54
Notizie/Talk (9,0%) Pop CHR (11,9%) Pop CHR (8,7%)
AC (8,5%) Paese (8,8%) AC (8,2%)
Pop CHR (8,0%) Caldo AC (7,4%) Paese (7,6%)
Paese (7,6%) AC (7,2%) AC calda (7,0%)
CA calda (6,5%) Contemplazione urbana (6,3%) Notizie/Talk (6,3%)

PPM-Portable people meter. CHR-Contemporary Hit Radio. AC-Adult Contemporary.

Fonte: Nielsen

*Nota: Nielsen Audio ha ufficialmente 48 mercati PPM, ma tre di essi (Nassau-Suffolk, Middlesex-Somerset-Union e San Jose) sono inclusi nelle aree metropolitane di New York e San Francisco. Pertanto, i dati di ascolto di questi mercati sono inclusi in questi risultati anche se non li abbiamo suddivisi separatamente.

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti