Passa al contenuto
Approfondimenti > Media

Online Oracle - Attività, servizi e contenuti a cui accedono gli australiani connessi

5 minuti di lettura | Agosto 2016
{“order”:3,”name”:”subheader”,”attributes”:{“backgroundcolor”:”000000″,”imageAligment”:”left”,”linkTarget”:”_self”,”pagePath”:”/content/corporate/au/en/insights”,”title”:”Insights”,”titlecolor”:”A8AABA”,”sling:resourceType”:”nielsenglobal/components/content/subpageheader”},”children”:null}

Abbracciare l'ecosistema digitale di oggi comporta sia opportunità che sfide. L'influenza del digitale è ampia e raggiunge tutti i segmenti demografici. Offre agli operatori del marketing modi diretti per coinvolgere basi di consumatori uniche. Il ritmo incalzante del cambiamento, tuttavia, significa che non ci sono indicazioni chiare da seguire quando si tratta di utilizzare il digitale come strategia di crescita aziendale continua.

Più di tre consumatori australiani su quattro si rivolgono ai media online per trovare risposte e aiuto nelle decisioni quotidiane su prodotti e servizi.

I consumatori fanno inoltre sempre più affidamento sui dispositivi mobili durante il processo decisionale. Il video sta aiutando il processo, con un continuo aumento del numero di consumatori che guardano video online su prodotti e servizi; più di tre australiani online su cinque lo fanno (62%), rispetto a poco più della metà (54%) di due anni fa.

Sebbene vi siano molte analogie nelle attività online svolte dai diversi dispositivi, essi svolgono ruoli diversi per i consumatori. I computer desktop/laptop sono ancora molto utilizzati per le funzioni, la ricerca e il commercio, mentre gli smartphone sono molto utilizzati per attività locali e sociali. I tablet sono una via di mezzo che racchiude elementi chiave sia degli smartphone che dei desktop/laptop. L'uso della TV connessa e delle console di gioco è guidato da attività legate all'intrattenimento.

L'utilizzo di desktop/laptop è più orientato verso le fasce d'età più anziane, mentre l'uso dei dispositivi mobili è più diffuso tra i giovani e quello dei tablet è più forte nelle fasce d'età centrali. Poiché i tablet sono un ibrido tra desktop e telefoni sia per il pubblico che per le funzioni, non stanno necessariamente sviluppando una propria nicchia. Nei prossimi anni, con l'aumento delle opzioni di schermo del telefono e del numero complessivo di schermi connessi nelle famiglie, questa sarà una sfida per i tablet.

Le principali differenze nell'utilizzo da parte di uomini e donne, a parte le ovvie differenze legate ai contenuti, hanno un impatto sia sulle funzioni che sui dispositivi. Gli uomini utilizzano più frequentemente strumenti di ricerca e funzionali, il che si correla con le minori diminuzioni nell'uso di desktop/laptop; le donne, invece, utilizzano più frequentemente social e mobile.

Sebbene si registrino ancora forti numeri di penetrazione per le attività su computer fissi/laptop, l'andamento discendente dei livelli di utilizzo diventerà più evidente man mano che il forte utilizzo degli smartphone da parte dei consumatori più giovani determinerà una crescita più rapida della telefonia mobile.

Le attività online svolte sia sui televisori connessi che sulle console per videogiochi rimangono basse e frammentate rispetto al numero di consumatori online che possiedono questi dispositivi. Molte delle principali barriere che ostacolano l'accesso ai contenuti sui televisori connessi sono risolvibili, in quanto un numero consistente di possessori semplicemente non sa come accedere ai contenuti online sul proprio dispositivo o non l'ha ancora configurato. Per contribuire a sviluppare l'utilizzo di questi dispositivi è necessaria una maggiore formazione e integrazione dei servizi.

Due aree chiave rimangono ancora molto diverse quando si tratta di modelli di attività online complessivi per i consumatori delle aree metropolitane e non. Lo streaming di contenuti audiovisivi è inferiore nelle aree non metropolitane, così come l'accesso a notizie e informazioni attuali. L'audiovisivo è probabilmente influenzato dalla velocità di connessione. La differenza di impegno con le notizie online indica che i servizi digitali non soddisfano le esigenze di notizie e informazioni dei consumatori non metropolitani, o forse che le fonti mediatiche tradizionali non stanno sviluppando offerte digitali adeguate.

Nonostante il mercato veda un'espansione dei tipi di strumenti di comunicazione online utilizzati dai consumatori, l'e-mail rimane ancora il metodo utilizzato dal maggior numero di australiani online. L'e-mail mantiene il primo posto tra i dispositivi mobili e i desktop/laptop. L'accesso in base all'ora del giorno influenza il tipo di dispositivo utilizzato per aprire un'e-mail; i responsabili del marketing devono tenerne conto quando pianificano quando e cosa distribuire via e-mail ai consumatori.

Sebbene in precedenza la maggior parte dei consumatori online avesse intrapreso attività bancarie e di pagamento online, si è registrato un aumento della percentuale di australiani online che svolgono queste funzioni almeno settimanalmente. Questo settore è ancora orientato verso l'uso del desktop, ma l'accesso da mobile sta crescendo rapidamente. Come abbiamo notato nella sezione dedicata alla vendita al dettaglio di questa pubblicazione, le organizzazioni avranno un netto vantaggio di mercato se riusciranno a rendere agevole e facile per i consumatori l'esperienza mobile per quelle che spesso possono essere attività piuttosto complesse.

Negli ultimi 12 mesi si è registrato anche un aumento delle utenze di trasporto/viaggio effettuate su dispositivi mobili, il che suggerisce un miglioramento delle funzionalità di alcuni dei servizi più comunemente utilizzati.

Il consumo di video continua a essere il tipo di contenuto audiovisivo dominante su tutti i dispositivi; tuttavia, il 2015 ha visto una crescita dei servizi di streaming audio settimanale e di radio digitale. Il lancio locale di iTunes Radio e i continui investimenti da parte di pure play digitali (ad esempio, Spotify e Pandora) e di network radiofonici tradizionali (ad esempio, Southern Cross Austereo e Nova Entertainment) hanno contribuito alla crescita di questo settore.

La fruizione dei video nel corso della giornata assomiglia sempre più alla curva di visione della TV tradizionale per la maggior parte delle fasce d'età. Questo modello continua a consolidarsi con l'espansione dei contenuti di lunga durata resi disponibili in formato digitale. Questo ovviamente offre opportunità e minacce per i servizi televisivi tradizionali in chiaro e in abbonamento.

Nonostante il mercato discuta molto sull'opportunità di abbonarsi ai contenuti online, i mercati dei giochi, delle notizie e dello sport sono riusciti a convertire una parte dei loro utenti più fedeli a un modello a pagamento. Il mercato dei giochi è quello che ha avuto più successo, convertendo quasi un gioco su quattro in un abbonamento a pagamento. Tuttavia, per tutti e tre i generi c'è ancora una grande quantità di tentativi e di cambiamenti, con i consumatori che esaminano continuamente le offerte alternative sul mercato.

Volete saperne di più?

Acquistate il capitolo Online Oracle qui o acquistate l'intero Australian Connected Consumer Report 2016 qui.

Informazioni sul rapporto australiano Nielsen sui consumatori connessi, 2016Il rapporto australiano sui consumatori connessi viene pubblicato dal 1997 ed è giunto alla sua 18a edizione annuale. Il rapporto 2016 analizza le risposte di 4.802 australiani online di età pari o superiore ai 16 anni attraverso una metodologia di sondaggio online. Tutte le risposte sono state raccolte nel mese di dicembre 2015. Il rapporto è stato pubblicato giovedì 31 marzo 2016.