Passa al contenuto
Approfondimenti > Prospettive

La chiave per sbloccare il futuro della misurazione dei media? La flessibilità

2 minuti di lettura | Jessica Hogue, SVP, Product Leadership | Settembre 2017

Oggi il pubblico consuma i contenuti in più modi rispetto al passato, e consuma di più di esso. Infatti, nel primo trimestre di quest'annoL'America media dai 18 anni in su ha trascorso più di 11 ore al giorno con i media attraverso dispositivi e piattaforme. Si tratta di un aumento di oltre un'ora rispetto a due anni fa!

Questa è una buona notizia per i creatori di contenuti e gli inserzionisti. Ma il numero di dispositivi a disposizione dei consumatori, così come la quantità di contenuti a cui essi incoraggiano l'accesso, può rappresentare una sfida per i marketer che cercano di coinvolgere i bulbi oculari su ogni nuovo dispositivo e fonte di contenuti.

Per aiutare il settore a fare proprio questo, abbiamo sviluppato il Nielsen Total Audience framework, un potente sistema che misura il coinvolgimento su tutti gli schermi, in modo ampio e completo. Attraverso le nostre misurazioni, abbiamo scoperto che l'età, la razza/etnia, il sesso e il reddito possono influenzare il modo in cui guardiamo, ascoltiamo e leggiamo i contenuti.

Il compito di trovare i consumatori in tutti questi spazi può sembrare scoraggiante. Tuttavia, negli oltre quattro anni di lavoro sul nostro quadro di riferimento per l'audience totale, ho scoperto che la flessibilità è la chiave per la misurazione multipiattaforma. Il tempo trascorso, i dispositivi utilizzati, persino i generi di programmazione consumati e gli orari in cui vengono consumati possono variare da una fascia demografica all'altra.

Ad esempio, le persone spesso guardano le partite sportive nei bar e nei ristoranti, rendendo la misurazione out-of-home particolarmente preziosa per le reti con questo tipo di programmazione. Inoltre, le nostre ricerche dimostrano che la programmazione di commedie rimane molto coinvolgente per i consumatori 30 e anche 60 giorni dopo la messa in onda, quindi la visione spostata nel tempo può offrire agli inserzionisti l'opportunità di raggiungere i principali target demografici ben oltre la messa in onda della programmazione originale.

Con ogni nuovo dispositivo e canale di distribuzione che aggiungiamo a Nielsen Total Audience, gli editori possono dimostrare ulteriormente l'ampiezza del loro pubblico, mentre gli inserzionisti ottengono dati preziosi per prendere decisioni più informate. Allo stesso tempo, però, ci siamo concentrati sul rendere queste misurazioni comparabili e flessibili. Fornire una visione coerente e trasparente garantisce la parità di condizioni e l'accesso alle stesse informazioni tra i creatori di contenuti, gli inserzionisti e le piattaforme.

Solo quattro anni fa, il panorama dei media era molto diverso da quello attuale. L'unica cosa di cui posso essere certo per i prossimi anni è che lo spazio dei media continuerà a evolversi, e probabilmente molto rapidamente. Ma preparandosi al futuro con una misurazione completa e flessibile, l'industria dei media sarà pronta per ogni nuovo modo in cui il pubblico troverà il modo di guardare, ascoltare e visualizzare i contenuti.

Questo articolo è apparso originariamente su AW360.

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti