Passa al contenuto
Approfondimenti > Sport e giochi

Oltre il mio avatar: il gioco nella comunità LGBTQ+

3 minuti di lettura | Ryan Snyder, Direttore, Nielsen Games | Luglio 2022

Quando ho iniziato a giocare ai videogiochi, l'obiettivo era quello di evadere: sfuggire alle pressioni della scuola e della società e scomparire in un altro mondo dove potevo interpretare un personaggio diverso da me.

Quando sono cresciuto e sono diventato più sicuro di me stesso e della mia identità di uomo queer, il gioco non è più una fuga, ma una connessione. È il modo per tenermi in contatto con i miei amici dall'altra parte del mondo, o anche solo dalla strada. E non sono solo. Viste le sfide che le persone LGBTQ+ devono affrontare nella vita quotidiana, i giochi ci offrono un posto dove essere chi siamo e costruire una comunità che ci permetta di esprimerci in uno spazio sicuro. 

All'interno di questi spazi, i nostri avatar digitali sono il modo in cui ci rappresentiamo, e negli ultimi anni i giochi di simulazione e di ruolo in particolare hanno ampliato la loro gamma di personaggi LGBTQ+. Secondo una recente indagine di Nielsen Games, i giocatori LGBTQ+ hanno il 29% in più di probabilità di giocare a giochi di ruolo e il 54% in più di probabilità di giocare a giochi di simulazione rispetto alla popolazione generale.

L'ultimo rapporto internazionale LGBTQ+ di Nielsen ha rilevato che la percezione dell'inclusione delle persone LGBTQ+ nei media sta migliorando, ma tale inclusione è orientata soprattutto verso le persone gay e lesbiche. Il mondo dei videogiochi è in controtendenza, con nuovi titoli popolari come Overwatch 2 e Spirit Swap che esplorano altre identità queer.

Ma le piattaforme di gioco non sono l'unico modo in cui i giocatori LGBTQ+ si connettono. Oltre il 40% dei giocatori LGBTQ+ guarda i trailer dei videogiochi e l'80% è iscritto a YouTube, offrendo agli editori di videogiochi l'opportunità di fare pubblicità o di unirsi alla conversazione durante i livestream per stabilire un legame più profondo con la comunità.

Questi progressi nella rappresentazione delle persone LGBTQ+ nei giochi sono il frutto del lavoro di molte persone e alleati nella comunità dei videogiochi, ma anche di gruppi come GLAAD che hanno spinto per un cambiamento positivo su tutte le piattaforme mediatiche. I social media sono una delle piattaforme più inclusive per le persone LGBTQ+ e i giocatori LGBTQ+ si sintonizzano su canali sociali come Twitter, Discord e TikTok più della popolazione generale.

Di recente ho incontrato su Twitter Qweerty Gamers, un'organizzazione no-profit che si occupa di aumentare la rappresentanza LGBTQ+ nella comunità dei videogiochi. Con la crisi della salute mentale che colpisce molti giovani, soprattutto nella comunità queer, il gruppo ha usato la propria influenza per sensibilizzare e sostenere i giovani in difficoltà. È un modo potente per i giocatori LGBTQ+ di aiutare le persone in crisi, fornendo uno spazio sicuro per la connessione e il sostegno.

Gli universi virtuali dei videogiochi offrono alle persone LGBTQ+ l'opportunità di esprimere la propria identità e gli avatar e gli accessori di gioco aiutano i nostri sé digitali a riflettere la nostra unicità nella vita reale. I giocatori LGBTQ+ spendono il 65% in più rispetto alla popolazione generale - circa 28 dollari al mese - per accessori di videogiochi personalizzati, un altro modo di esprimere la propria identità attraverso gettoni condivisi che ci collegano agli altri membri della comunità. Per i giocatori LGBTQ+, giocare non significa solo vincere e perdere, ma anche essere tutto ciò che si può essere.

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti