Passa al contenuto
Approfondimenti > Digitale e tecnologia

I video on demand raggiungeranno due terzi della popolazione online nel 2016

3 minute read | Lillian Zrim, Associate Director, Marketing Effectiveness & Cross Platform Insights di Nielsen | Maggio 2016
{“order”:3,”name”:”subheader”,”attributes”:{“backgroundcolor”:”000000″,”imageAligment”:”left”,”linkTarget”:”_self”,”pagePath”:”/content/corporate/au/en/insights”,”title”:”Insights”,”titlecolor”:”A8AABA”,”sling:resourceType”:”nielsenglobal/components/content/subpageheader”},”children”:null}

Secondo un nuovo rapporto sulle abitudini di consumo dei consumatori online, più di due terzi degli australiani online di età superiore ai 16 anni guarderanno video on demand (VOD) entro la fine del 2016.

La diciottesima edizione dell'Australian Connected Consumer Report riporta un aumento del 4% del VOD nel 2015, che ha raggiunto il 59%; Nielsen prevede inoltre un aumento ancora maggiore dell'8% quest'anno, fino al 67%, sulla base dell'intenzione degli australiani di sintonizzarsi sulla crescente selezione di servizi.

L'adozione del VOD è esplosa in Australia grazie all'aumento delle opzioni per una visione comoda e varia.

Mentre la TV tradizionale rimane dominante, gli australiani guardano più contenuti video attraverso i vari servizi di catch-up e di abbonamento, perché c'è più scelta, più contenuti aggiornati e contenuti esclusivi interessanti. Questo sta determinando un reale interesse a provare e ad abbonarsi.

Riteniamo che l'accesso a Netflix tra la popolazione online (abbonamenti a pagamento o in prova), ad esempio, aumenterà dell'11% nel 2016, il che significa che oltre un quarto della popolazione online avrà accesso a questo servizio nella propria abitazione prima della fine dell'anno. Prevediamo inoltre che l'utilizzo di Stan aumenterà dell'8% quest'anno, raggiungendo l'11% della popolazione. In realtà, prevediamo una crescita per la maggior parte dei VOD quest'anno sulla base dei numeri del 2015. 

Il rapporto, che indaga sul consumo di contenuti multimediali da parte degli australiani online attraverso un crescente assortimento di dispositivi, ha anche rilevato che la TV rimane lo schermo più visto nelle case. Per quanto riguarda gli schermi utilizzati per la visione di VOD, il 56% utilizza il televisore, con un aumento del 12% rispetto al 2014.

Lo schermo televisivo è una parte centrale della casa australiana e le persone vogliono guardare i contenuti su schermi di grandi dimensioni per ottenere la migliore esperienza possibile.

La TV tradizionale è ancora la forma di consumo televisivo di gran lunga dominante, con l'89% della popolazione online che guarda la TV trasmessa o in differita. Anche la catch-up TV dei principali editori ha registrato una crescita ed è la forma più popolare di contenuti video on demand (a pari merito con il consumo di TV su YouTube), con il 39% della popolazione online che guarda contenuti attraverso i servizi di catch-up australiani. 

Anche i contenuti pirata sono diminuiti di un enorme 10% nel 2015, grazie al fatto che gli editori offrono contenuti stranieri a livello locale con una velocità mai vista prima. Questo calo può essere attribuito anche alla continua repressione dei siti pirata da parte del governo federale.

Tra gli spettatori di video on demand, la maggior parte guarda settimanalmente ma il 21% guarda quotidianamente, in aumento rispetto al 15% del 2014 e al 12% del 2013. Il coinvolgimento in questo spazio è aumentato costantemente negli ultimi anni. Non solo un numero maggiore di australiani accede a contenuti video on demand attraverso servizi gratuiti e a pagamento, ma incorpora sempre più la visione nel proprio repertorio quotidiano. 

Nota: per VOD si intendono i contenuti video televisivi o cinematografici forniti tramite servizi e fonti online (sono compresi la catch-up TV, i servizi di video on demand in abbonamento, i servizi pirata e lo streaming di TV e film su siti come YouTube).

Acquistate il Rapporto australiano sui consumatori connessi 2016 qui.  

Informazioni sul rapporto australiano Nielsen sui consumatori connessi, 2016Il rapporto australiano sui consumatori connessi viene pubblicato dal 1997 ed è giunto alla sua 18a edizione annuale. Il rapporto 2016 analizza le risposte di 4.802 australiani online di età pari o superiore ai 16 anni attraverso una metodologia di sondaggio online. Tutte le risposte sono state raccolte nel mese di dicembre 2015. Il rapporto è stato pubblicato giovedì 31 marzo 2016.

Continua a navigare nello stesso argomento approfondimenti